Superbike, Sykes elogia BMW: “Bel passo avanti col motore”

Sykes soddisfatto delle sensazioni avute nei due giorni di test Superbike a Montmelò. La BMW M 1000 RR ha il potenziale che si aspettava.

Tom Sykes
Tom Sykes (foto BMW)

Campionato 2020 da dimenticare, ma BMW nel Mondiale Superbike 2021 vuole riscattarsi. E per farlo porta in pista la nuova M 1000 RR.

Oltre al team ufficiale, dove è approdato Michael van der Mark proveniente dalla Yamaha, ci sono due squadre private che saranno utili per la raccolta dati e lo sviluppo: Bonovo Action MGM con Jonas Folger e RC Squadra Corse con Eugene Laverty. La seconda deve ancora girare, a causa di alcuni problemi legati ai pagamenti dei materiali. Ma in BMW sono convinti che i problemi verranno risolti.

LEGGI ANCHE -> Superbike, Mercado: “Spero che Honda aiuti il team MIE”

Sykes contento della BMW M 1000 RR

La scorsa settimana BMW si è confrontata con tanti altri team Superbike nel test di Montmelò e Tom Sykes è rimasto soddisfatto dopo aver provato per due giorni la nuova M 1000 RR: «È stato un test molto utile. Abbiamo potuto scoprire molto di più sulla nuova BMW M 1000 RR e abbiamo sicuramente raccolto molte informazioni. Abbiamo fatto un bel passo avanti in termini di prestazioni del motore e sicuramente un paio di altre aree della moto, ma mi piacerebbe ancora lavorare sulla trazione dal telaio e stiamo già valutando alcune opzioni diverse».

Sykes, al terzo anno con BMW, è contento dei progressi fatti rispetto alla precedente S 1000 RR. La nuova moto rappresenta un buon upgrade in più aree, motore incluso. Proprio quest’ultimo era il grande tallone d’Achille del modello precedente. E il campione del mondo SBK 2013 dovrà lavorare anche sul consumo delle gomme, visto che col suo stile di guida spesso aggressivo rischia di non essere costante durante le gare.

BMW M 1000 RR
BMW M 1000 RR (foto WorldSBK)