MotoGP, Joan Mir: “Brivio mancherà, ma Suzuki farà bene”

Joan Mir è convinto che anche senza Davide Brivio la Suzuki sarà forte. Ovviamente l’ex team manager mancherà, però verrà ben rimpiazzato.

Joan Mir MotoGP
Joan Mir (Getty Images)

Joan Mir nel 2021 proverà a confermarsi campione del mondo MotoGP, cosa non facile. L’anno scorso ha sorpreso tutto vincendo la corona iridata e fare il bis è sempre complicato.

Il pilota Suzuki avrà maggiori pressioni e dovrà essere bravo a gestirle. Nel 2020 ha fatto vedere di poter avere una grande costanza nel corso della stagione, ma deve certamente migliorare nelle Qualifiche. Il giro secco, infatti, è perso un suo limite.

MotoGP, Joan Mir su Brivio e non solo

Mir in un’intervista concessa a Sky Sport MotoGP ha risposto in merito all’addio di Davide Brivio, ex team manager Suzuki che ha accettato l’offerta di Renault per approdare in Formula 1: «È un momento abbastanza complicato per il team, perché lui era un punto di riferimento. Comunque io sono molto tranquillo, ho tanta fiducia, sono certo che riusciremo a fare un buon lavoro perché abbiamo delle brave persone nella squadra. Sahara troverà qualcuno adatto per sostituirlo».

Il pilota della Suzuki rivela una passione per le barche a vela: «Mi piace perché da buon maiorchino amo il mare, trovo che sia uno sport estremo, possiamo considerarlo la MotoGP del mare. Ho provato le barche a vela, anche se di solito vado con quelle a motore, in futuro spero di poter imparare».

Il maiorchino sarà in pista per i test MotoGP in Qatar il 6 e 7 febbraio. Dal 10 al 12 marzo altra sessione, sempre sul circuito di Losail. E il 28 marzo ci sarà la gara del GP qatariota. Mir si sta allenando per farsi trovare pronto all’inizio di una nuova stagione nella quale vuole essere ancora protagonista.

Joan Mir in pista
Joan Mir in pista (Getty Images)