Berger smonta Bottas: “Contro Hamilton non ha possibilità”

Bottas si deve rassegnare a fare il secondo. Questo il suo destino per Berger. Intanto Wolff parla del contratto di Hamilton.

Lewis Hamilton (©Getty Images)

Le ha provate tutte, o forse, non credendoci neppure lui non ha tentato quanto avrebbe dovuto. Valtteri Bottas resterà per sempre un pilota inespresso. Piuttosto promettente nelle formule minori, dal suo approdo nel Circus il finlandese non ha convinto.

Premiato dalla sorte che nel 2017 gli concesse il grande salto dalla Williams alla Mercedes, il driver di Nastola, complice lo scomodo vicino di box Hamilton, non è mai riuscito a concludere un granché, salvo qualche fugace performance di livello, specialmente in qualifica, poi spesso vanificata dall’inglese.

In proiezione 2021 con il solo obiettivo di battere il compagno di squadra, il #77 è stato “demolito” da Gerard Berger, sicuro che se Ham continuerà per lui non ci saranno grandi chance di emergere. “Al di là della velocità pazzesca e dell’enorme talento che possiede, ora Lewis vanta anche molta esperienza. Certo, lui non è lento, tuttavia, nella sua posizione, nessuno avrebbe possibilità”, ha decretato l’ex pilota austriaco ad f1-insider.com.

Il contratto di Hamilton tiene ancora banco

Quando mancano meno di due mesi al via dei test invernali della F1 in Bahrain, le Frecce Nere viaggiano ancora con in sospeso. Il sette volte iridato non ha voluto dare un suo responso definitivo, di conseguenza ad oggi non è certo se al fianco di Bottas ci sarà lui.

Dal canto suo il boss Toto Wolff ha tranquillizzato i fan sostenendo che “l’accordo è vicino”, ma che l’arcano potrebbe risolversi non prima di marzo.

“Stiamo discutendo della durata”, ha spiegato ad RTL. “Lewis è importante per il team e per il marchio, tuttavia la situazione sta cambiando”.

Il regolamento 2022 e il forte taglio alle spese imposto dal budget cap, potrebbe costringere la scuderia ad un’importante riduzione dello stipendio del 36enne. Un’opzione, questa, che probabilmente sta facendo sorgere parecchi dubbi al britannico.

In ogni caso per la Mercedes una scappatoia è già presente: George Russell. “Nel nostro futuro giocherà un ruolo chiave. Deve solo avere un po’ di pazienza”, ha chiosato il manager austriaco. E chissà che l’attesa non sia più breve del previsto…

George Russell (©Getty Images)

Chiara Rainis