Hamilton ammette: “L’incidente di Grosjean mi ha fatto pensare al ritiro”

Lewis Hamilton confessa di aver valutato di ritirarsi dalle corse dopo aver assistito alle immagini dell’incidente di Romain Grosjean

Lewis Hamilton e Romain Grosjean
Lewis Hamilton e Romain Grosjean (Foto ROSLAN RAHMAN/AFP via Getty Images)

Non è solo il diretto interessato Romain Grosjean ad essere stato toccato dal terribile incidente e dal conseguente incendio avvenuto al primo giro del Gran Premio del Bahrein, tanto da ammettere esplicitamente di aver rivalutato la sua decisione di proseguire la carriera nelle corse anche lontano dalla Formula 1.

Anche i suoi colleghi non potevano certamente restare indifferenti di fronte ad un’immagine così terribile: primo fra tutti Lewis Hamilton, apparso visibilmente scosso fin dagli istanti immediatamente successivi al botto, quando ha osservato i replay televisivi in seguito all’interruzione della gara, pur riuscendo poi a riprendere la via della pista e a concludere il GP con l’ennesima vittoria. Il campione del mondo in carica, assente questo weekend per il contagio da coronavirus, ha ammesso di aver pensato di ritirarsi dall’automobilismo, dopo aver assistito ad una scena così terrorizzante. E le sue parole assumono un peso particolare, dal momento che il contratto che lo lega alla Mercedes, in scadenza a fine stagione, non è stato ancora rinnovato.

Le perplessità di Hamilton

“Sarei un ipocrita se dicessi di non averci pensato”, ha affermato il sette volte iridato. “Però poi bisogna pensare quanto sia importante continuare a rispettare e ad accettare questo sport e i suoi pericoli. Corro da 27 anni e da ragazzino ho visto quanto è successo a Jules Bianchi. Quando avevo nove anni ho visto morire un bambino lo stesso giorno in cui ho vinto una gara. Dunque, sono sempre stato consapevole dei rischi che corro. Di sicuro, però, quando invecchi ti domandi se ne vale la pena. Stavolta me lo sono chiesto, quindi. Ma non deciderò di ritirarmi per questo incidente. Non ho alcun timore, sono sicuro che tutti noi torneremo a fare ciò che abbiamo sempre fatto”.

I dubbi, perfettamente comprensibili e umani, dunque, ci sono. Ma c’è anche la consapevolezza degli enormi progressi compiuti sul fronte della sicurezza, che hanno consentito a Grosjean di venire fuori pressoché indenne dal terribile incidente. “Credo che se lo sia chiesto anche Romain”, prosegue Hamilton. “Mentre guardavo i replay pensavo ‘Cavolo, ha una moglie e dei figli’. Dovrà rifletterci molto, perché siamo sicuramente dei privilegiati ma ci sono tante altre cose oltre alla Formula 1. Però, come ho già detto, abbiamo assistito a un qualcosa di straordinario: con un incidente così spaventoso ne è uscito sano e salvo. È stato fatto un lavoro ottimo sul piano della sicurezza, ma possiamo ancora migliorare molto”.

Leggi anche —> L’inferno di Grosjean spaventa anche Hamilton: “Orribile, che rischio”

L'incendio di Romain Grosjean al Gran Premio del Bahrein di F1 2020 a Sakhir
L’incendio di Romain Grosjean al Gran Premio del Bahrein di F1 2020 a Sakhir (Foto Bryn Lennon/Getty Images)