Fabio Quartararo le prove tutte: mai vista una cosa del genere in MotoGP

Il pilota della Yamaha ha svolto un test molto particolare in sella alla M1. Ecco a cosa si sono ridotti nel box della casa di Iwata per sperare in un cambiamento.

Fabio Quartararo è in cerca di riscatto. Dopo il rinnovo contrattuale ha deciso di puntare con grande determinazione al nuovo corso del marchio giapponese. Quest’anno oramai i giochi sono fatti e la Ducati e gli altri brand europei sono, nettamente, davanti alla Yamaha. Quartararo già sta lavorando, nei test, allo sviluppo della M1 per il prossimo anno.

Fabio Quartararo le prove tutte
Quartararo, scovato il segreto in sella alla Yamaha (Ansa) Tuttomotoriweb.it

L’obiettivo è quello di lottare per le posizioni nobili della classifica nel prossimo biennio per poi sfruttare il cambio regolamentare che investire la classe regina dal 2027. Si passerà dalle attuali moto 1000cc a quelle 850. Il francese, dopo essersi laureato campione del mondo nel 2021, non è riuscito a difendere la corona. El Diablo è arrivato alla sesta annata in sella alla M1. Ha visto gli avversari crescere a dismisura e ha registrato un crollo verticale. In questa annata risulterà complesso anche un singolo piazzamento sul podio.

Purtroppo Quartararo, per sfidare i ducatisti, avrebbe bisogno di un bolide. La Yamaha, orfana anche di una seconda squadra satellite da due anni, ha concluso al penultimo posto della classifica costruttori nel 2023, davanti alla Honda per pochissimi punti. Sono arrivati tecnici di spessore in Giappone ma non sono servite nemmeno le concessioni. Il nativo di Nizza crede ancora nel progetto, ma ora urgono delle risposte confortanti. Lo stesso Alex Rins, compagno di squadra di Quartararo, ha palesato tutti i limiti del prototipo 2024. In Yamaha possono solo invidiare i ducatisti.

Quartararo, scovato il segreto in sella alla Yamaha

Il rider francese sta svolgendo dei test in pista per migliorare la M1, in attesa del prossimo appuntamento in Olanda. L’ex pilota Scott Reding, sul suo profilo IG, ha fatto notare un dettaglio assurdo: “Fabio Quartararo, stai provando una radio o uno scaldacollo?”. Il pilota con tanto di emoji del microfono e dell’occhiolino ha replicato: “Mi senti?”. In sostanza nella immagine in basso è visibile un cavo alle spalle del casco. I centauri della MotoGP, a differenza della F1, non sono soliti parlare live con i tecnici al muretto.

Tempo fa i test erano stati ideati per le comunicazioni della Direzione Gara con i piloti, tuttavia non vi erano stati ulteriori sviluppi sia nella direzione dei messaggi inviati dai box, ma anche in quella delle repliche dei centauri in sella ai bolidi in pista. Per questo è curiosa la risposta di Fabio che a quanto pare ha trovato delle soluzioni innovative relative a rumore e al comfort per comunicare con la squadra.

Gestione cookie