Ferrari, Vasseur al settimo cielo per Sainz: una frase inchioda Leclerc

Charles Leclerc ha chiuso al quarto posto, osservando la vittoria di Carlos Sainz a Singapore. La reazione di Frederic Vasseur è tutta da gustare.

Il team principal francese ha ottenuto la sua prima storica vittoria con la scuderia modenese e lo ha fatto amministrando dal muretto in modo magistrale la corsa di Carlos Sainz. Quest’ultimo sta attraversando un momento magico e avrebbe desiderato concludere un weekend, iniziato nel migliore dei modi con piazzamenti sempre al vertice nelle prove libere, al primo posto.

Vasseur con Domenicali
Vasseur (Ansa) tuttomotoriweb.it

Sainz è scattato dalla pole position, aiutato nella prima fase di gara dal suo compagno di squadra monegasco. Charles è partito con le gomme rosse e avrebbe anche potuto in teoria mettere pressione allo spagnolo ma ha gestito la prima parte di Gran Premio in modo tale da permettere al compagno di squadra di effettuare in primo stint in scioltezza. La tattica si è rivelata essere giusta sebbene vi siano state VSC e SC a stravolgere le dinamiche di un Gran Premio che sembrava essere, ad un certo punto, nelle mani di entrambi i ferraristi.

Leclerc è stato lo sfortunato protagonista di un doppio pit stop che ha relegato il monegasco ben quattro posizioni più indietro rispetto a quella che inziale, dopo la prima curva. Leclerc si è dovuto ristudiare la possibilità di tornare sul podio, scavalcando le Red Bull ma non ha potuto nulla nella risalita delle Mercedes. Queste ultime hanno azzardato una strategia che sarebbe potuta risultare vincente se Sainz, strategicamente, non avesse frapposto Lando Norris al duo della Mercedes.

Quest’ultima è stata un’idea dello spagnolo che, impossibilitato eventualmente a difendersi, senza l’apertura dell’ala mobile posteriore del compagno inglese, su mescole usate, ha ben pensato negli ultimi giri del Gran Premio di gestire la pratica nell’unico modo possibile. Sainz si aggiudicò il Gran Premio di Silverstone, nel 2022, tra mille polemiche con tanto di ditino di Binotto sul viso di Leclerc. Stavolta si è meritato il successo, dando anche l’impressione di essere maturato con il feeling della monoposto 2023.

Ferrari, la gioia di Vasseur

Nelle ultime settimane Leclerc è stato messo sotto pressione dal figlio d’arte del Matador sempre più motivato ad ottenere risultati di spicco per un rinnovo contrattuale che avverrà al termine della stagione. Ser a Monza era riuscito a difendersi dagli attacchi di Leclerc, conservando la terza piazza, stavolta a fare rumore era la distanza tra i due ferraristi, sotto gli occhi attenti di Vasseur.

Ferrari, la gioia di Vasseur
Ferrari (Ansa) tuttomotoriweb.it

Il team principal francese è salito sul podio per festeggiare insieme al madrileno la prima vittoria della sua nuova esperienza professionale a Maranello. Al termine della gara, a Sky, Vasseur ha dichiarato: “Una bellissima emozione dopo una prima parte di stagione difficile. E’ una vittoria che arriva dopo Monza e non casuale. Sainz è stato eccezionale nella gestione. La nostra strategia era quella di mettere le due macchine davanti a tutti e ci siamo riusciti. Charles poi è stato poco fortunato con la Safety Car, visto che poi in pit-lane ha trovato traffico e con il doppio pit-stop ha perso tempo“, ha sottolineato Vasseur.

Sainz ha compreso meglio la vettura da quando ha preso il via la seconda parte del 2023 e oggi ha saputo leggere cosa fosse meglio per vincere, sfruttando l’effetto DRS a proprio vantaggio“, ha concluso un emozionato Vasseur.

Impostazioni privacy