Comprare auto usata da privato? Ecco come funziona e cosa fare

Comprare un’auto usata è sempre un rischio e se lo si fa da privato bisogna stare attenti a non cadere in brutte e spiacevoli sorprese.

Quando si acquista un’auto usata, la maggior parte degli acquirenti è sempre molto indecisa e soprattutto diffidente, soprattutto perché non si sa mai come è stato utilizzato il mezzo in passato, ma acquistando da privato ogni tanto si può capire meglio a cosa si può andare incontro.

Auto usata (AdobeStock)
Auto usate (AdobeStock)

Il costo della vita sta mettendo sempre di più in crisi le famiglie italiane e per questo motivo non mancano di certo coloro che decidono di rivolgersi ai concessionari per acquistare delle auto usate.

La vera novità degli ultimi anni è però quella di bypassare questo step e dunque accordarsi direttamente con il venditore privato, in modo tale da poter trattare direttamente con chi l’ha utilizzata.

Questo è ovviamente un grande aiuto e soprattutto dà l’opportunità di capire immediatamente come può essere stato utilizzato questo mezzo, dato che si ha davanti a sé colui che l’ha usata in passato.

Dando un rapido sguardo ai dati del 2021, ultimo anno dove abbiamo saldamente i risultati della vendita delle auto, notiamo come l’acquisto di automobili già usate sia stato circa il doppio rispetto alle nuove, con un complessivo di 2 milioni 920 mila usate contro le sole 1 milione 457 mila 801 nuove.

Dunque i numeri sono a favore delle auto usate, ma per trovarsi con un rivenditore privato bisogna essere molto bravi a saper cercare e dunque a trovare le giuste alternative per poter trattare direttamente.

Prima di tutto bisogna capire qual è il modello di automobile alla quale si vuole attingere, infatti questo deve essere il primo pensiero nella testa dell’acquirente che ovviamente non può presentarsi senza idee ben chiare.

Innanzitutto l’acquisto da privato è sicuramente molto utile nel momento in cui avviene il famoso “passaparola”, con l’amico di un amico che conosce un amico che sta vendendo un’auto poco usata e a basso prezzo.

Non siamo più però nel Novecento e dunque i tempi stanno cambiando e la tecnologia anche da questo punto di vista riesce e venirci incontro, ed ecco allora che c’è così la possibilità di sfruttare delle meravigliosa applicazioni.

App da sfruttare per trattare auto usate da privati: ecco le migliori

Partiamo allora dal conoscere nel dettaglio quali sono le migliori applicazioni per poter acquistare delle auto da privato, con una di queste che può essere direttamente Facebook e la sua categoria di acquisto “Marketplace”.

Questo può essere già un luogo molto utile per poter capire con chi si ha a che fare e soprattutto farsi un’idea generica sul complessivo costo delle automobili usate che ci sono su questa piattaforma.

Nello specifico però la migliore di tutte è sicuramente “AutoScout24”, una piattaforma che viene molto usata anche dalle stesse concessionarie per poter mettere in esposizione i loro migliori prodotti.

Questa è senza dubbio il miglior sito al quale affidarsi per poter acquistare una macchina privata e inoltre è giusto ricordare come ci sia anche un’app specifica da scaricare sia per Android che per iOS.

Da poter sfruttare da questo punto di vista ci sono anche i classici Subito.it ed eBay, dei programmi che sono utilizzati in tutto il mondo per poter effettuare scambi tra privati e che hanno sempre trovato il grande apprezzamento del pubblico.

Auto usata: documenti che servono

A questo punto sappiamo come fare per trovare un’auto usata, ma dobbiamo capire come poter acquistare e soprattutto come deve avvenire il pagamento.

Il metodo migliore in questi casi è ovviamente il bonifico bancario, potete usare anche la prepagata come per la maggior parte degli acquisti online, ma in certi casi la cifra è ben superiore rispetto al limite consentito da queste carte.

A quel punto si dovrà però fare il passaggio dei documenti e questo dovrà avvenire nello “STA”, ovvero lo Sportello Telematico dell’Automobilista e compilare i moduli Np3c e T2119 per poter verificare la corretta cessione del veicolo.

A quel punto chiaramente dovranno essere consegnati a loro volta i vari libretti di circolazione e che venga attestato il definitivo passaggio di proprietà dal venditore al compratore.

Nel caso in cui dovesse essere ceduto il mezzo a un cittadino extracomunitario, allora sarà fondamentale che questi attesterà a sua volta anche il permesso di soggiorno.

Di sicuro la vendita tra privati è quella che dà in assoluto meno garanzie all’acquirente, ma nonostante questo la possibilità di risparmiare ingenti somme di denaro permette a tutti gli effetti di arrivare a dei veri e propri affari che permettono di risolvere il problema dell’auto con pochi soldi.

Entra nel gruppo ultimissime news F1-MotoGP e offerte mercato auto