Visto il Jet privato di Elvis? Finisce all’asta ad una cifra mostruosa

Noto come il re del Rock&Roll Elvis vantava tra le sue proprietà anche un jet, ora finito all’asta. Ecco a quanto è stato battuto.

Elvis Presley ha fatto la storia della musica. Senza di lui, che piaccia o no, non ci sarebbero neppure stati i Beatles. Fu infatti il ragazzo di Memphis, negli anni ’50, ad intuire che quella musica, il Rock&Roll, derivata dal Blues cantato nelle piantagioni di cotone dai neri d’America, avrebbe potuto sbancare e diventare un genere globale. Questa sua visione rappresenterà la sua fortuna. A livello umano, ma soprattutto monetario.

Elvis Presley (Ansa Foto)
L’icona del Rock Elvis Presley (Ansa Foto)

Il suo look fuori dal comune, quel ritmo così diverso dai lenti a cui si era abituati, gli permisero di fare il botto, e di accumulare un patrimonio degno di nota. Tanto da potersi permettere di acquistare un più di qualche jet.

Oggi, tutto quanto appartenuto a Elvis The Pelvis è guardato dai fan come una reliquia. E al di là di strumenti, abbigliamento e le classiche memorabilia delle stelle dello spettacolo, figurano pure esemplari decisamente più vistosi, come auto sportive, da lui molto amate (e chi non le ama tra i ricchi) e velivoli privati.

Il King of Rock ne aveva diversi modelli nel suo prezioso garage. Ad esempio un Convair 880, ovvero uno degli aerei di liea più performanti degli anni Sessanta, e appunto almeno un paio di Lockheed JetStar. Uno dei quali è stato al centro di una vendita all’incanto organizzata dalla statunitense Mecum.

All’asta il jet di Elvis, com’è andata la vendita

Giusto per farci un’idea di cosa stiamo parlando, diciamo che  il JetStar della Lockheed era molto apprezzato dai personaggi famosi, dalle organizzazioni militari e dagli enti governativi. Il suo lancio sul mercato avvenne nel settembre 1957, proprio quando nelle radio veniva mandata in “loop”, la hit del Re “Jailhouse Rock”.

Il quadrimotore in questione era in grado di raggiungere una velocità di circa 880 km/h, ed era stato prodotto in soli 204 esemplari. Quello acquistato nel dicembre del 1976, dal cantante e musicista nato nello stato del Mississippi, venne costruito nel 1962 e se lo aggiudicò per un cifra pari a 840.000 dollari.

Registrato alla Federal Aviation Administration (Faa) con matricola N-20TF, il JetStar 1329 dalla livrea rossa, fu rivenduto solamente qualche mese dopo, passando in seguito di mano in mano fino ad arrivare al Roswell International Center, l’aeroporto della contea di Chaves, nel New Mexico. Dov’è rimasto fino ad oggi.

Internamente si nota che si tratta di un esemplare piuttosto vecchio. Ma anche esternamente non è messo benissimo. Mancano tutti i motori e le gondole, oltre ad altri elementi dell’abitacolo, rimossi man mano non si sa perché.

Tornando agli arredi, hanno un gusto kitsch, con i sedili in velluto rosso decisamente sgargianti. Legno e finiture dorate che non passano inosservati.

Tra le dotazioni citiamo invece un televisore con videoregistratore, un lettore di musicassette e addirittura un forno a microonde. Nove sono i passeggeri che possono viaggiarvi, più i due piloti.

All’asta organizzata al Kissimmee 2023, il jet se l’è aggiudicato uno sconosciuto per la somma di 286.000 dollari, all’incirca 256.000 euro. Molti i documenti allegati al prestigioso velivolo. Tra questi in particolare, una copia dell’Aircraft Security Agreement e la fattura di vendita originale, autografate dallo stesso Presley.