Quanto costa andare a vedere la Dakar? Ecco le informazioni necessarie

La Dakar attira ogni anno tanto pubblico, anche se seguire la corsa nel deserto non è sempre possibile. Ecco quanto costa vederla.

Sta per volgere al termine anche l’edizione targata 2023 della Dakar. Questa splendida competizione ha visto al via anche in questa occasione dei nomi che mettono i brividi, ma il vincitore sarà, con ogni probabilità, lo stesso dello scorso anno. Vi stiamo parlando di Nasser Al-Attiyah, già quattro volte re del raid più famoso del mondo ed ormai vicino al raggiungimento della quinta corona.

Dakar (ANSA)
Dakar con l’Audi impegnata nel deserto (ANSA)

Il principe qatariota non sembra avere rivali a bordo della sua Toyota, macchina ormai super-collaudata e nelle mani di un pilota esperto e poco incline agli errori. Momenti di paura si sono vissuti pochi giorni fa, quando la leggenda Stephane Peterhansel ha avuto un brutto incidente finendo per perdere cononscenza.

Il 14 volte della Dakar sta bene, ma sarebbe potuta finire molto peggio. Gara da incubo per Carlos Sainz senior e per lo squadrone Audi in generale, con la vettura a trazione elettrica che è stata un vero e proprio flop. Si tratta di una brutta figura per la casa di Ingolstadt, che dal punto di vista del motorsport sembra aver puntato tutto sulla F1, anche se attorno a questo progetto c’erano molte belle speranze. Nelle prossime righe, vi racconteremo alcune curiosità per seguire questo evento dal vivo.

Dakar, ecco come può seguirla il pubblico sul posto

La Dakar è una corsa affascinante e che resiste allo scorrere del tempo, ma è ovvio che, come per i comuni rally, non sia affatto facile da seguire per il pubblico. Infatti, le sue tappe si svolgono in pieno deserto, e soltanto i più coraggiosi possono pensare di addentrarsi per seguirla dal vivo.

Anche dal punto di vista televisivo, non è possibile garantire delle immagini di ogni singola vettura, e l’unico modo per regalare qualche video ai tifosi che seguono da casa è quello di inquadrare i protagonisti con l’elicottero. Qualche giorno fa abbiamo potuto seguire una scena molto interessante, che ha visto protagonista Carlos Sainz senior.

Il due volte campione del mondo rally, che aveva vinto la prima tappa guidando la classifica assoluta nelle battute iniziali, è incappato in un guasto tecnico sulla sua Audi RS Q e-tron, trovandosi costretto ad intervenire assieme al suo copilota. Accanto a lui è arrivato suo figlio Carlos, il pilota della Ferrari, che si è “divertito” nel seguire il lavoro del padre, senza poterlo ovviamente aiutare.

La bellezza della Dakar sta anche in questo, ovvero nell’abilità dei vari piloti di saper intervenire, visto che le carovane delle squadre non possono ovviamente intervenire nelle asperità del deserto. Il raid più famoso del mondo, anche per tale motivo, mantiene un fascino incredibile, ed ora vi daremo conto delle spese che devono sostenere i tifosi per pensare di poter vedere le auto, le moto ed i camion per seguirla dal vivo.

Prima di tutto, è bene specificare che non c’è un biglietto da pagare, così come avviene nei rally. Chi vuole seguirla dal vivo può appostarsi a bordo “pista” e godersi il passaggio dei mezzi in gara, ma è ovvio che il pubblico non si addentri più di tanto nel deserto, ma preferisca posizionarsi nei posti situati nelle vicinanza delle aree di partenza ed arrivo.

I tifosi spesso girano anche per le zone in cui le auto, le moto ed i camion fanno “riposo” tra una tappa e l’altra, con la possibilità anche di incontrare i piloti. Ricordiamo che nell’edizione del 2022 il debuttante Danilo Petrucci parlò proprio di questo, regalandoci alcune immagini bellissime di bambini che ci tenevano a salutarlo durante l’evento.

Le spese più importanti da sostenere sono relative all’aereo per raggiungere l’Arabia Saudita dai paesi stranieri e per il pernottamento, ma quello è un qualcosa da mettere in conto per qualsiasi viaggio. Facendo un esempio di viaggio dall’aeroporto di Roma Fiumicino alle principali città saudite come Jeddah e Riyah, è possibile recarsi in zona con una spesa di circa 600 euro.

Al contrario di quanto si possa pensare, gli alberghi non sono poi troppo costosi, ed anche se cercate la qualità è possibile cavarvela con una spesa tutto sommato accettabile. Il prezzo del pernottamento, ovviamente, dipende dalle notti che trascorrerete nel paese, ma su questo non c’erano dubbi.

Trattandosi di un paese ben diverso dal nostro, le raccomandazioni in base a come comportarsi non sono mai troppe, visto che tutti conosciamo le tradizioni e le severe leggi dell’Arabia Saudita. Ora che siete informati, non esitate a prenotare la vostra esperienza per la prossima edizione di questa gara, visto che facendo tutto in anticipo potrete anche risparmiare parecchio denaro.