Quartararo avvisa Bagnaia: ecco cosa vuole fare in MotoGP

Quartararo non nasconde le sue ambizioni per il suo futuro in MotoGP: Bagnaia, Marquez e gli altri rivali sono avvisati.

Il 2022 di Fabio Quartararo è terminato con innegabile amarezza, visto che il titolo MotoGP è andato a Francesco Bagnaia. Essendosi trovato con 91 punti di vantaggio sul rivale dopo la gara al Sachsenring, è normale che il francese provi delusione.

Fabio Quartararo
Fabio Quartararo, pilota Yamaha MotoGP (LaPresse)

Ritiene di aver guidato meglio che nel 2021, quando invece fu campione, ma non è bastato. Oltre ad aver commesso qualche errore, il pilota si è ritrovato tra le mani una M1 che non lo ha per niente soddisfatto. Ha fatto i miracoli con una moto che rispetto allo scorso anno non è particolarmente migliorata.

Si aspettava che la Yamaha gli mettesse a disposizione un prototipo con degli aggiornamenti significativi, soprattutto in termini di potenza del motore. La casa di Iwata aveva preparato una versione migliorata e più performante, però per problemi di affidabilità non ha potuto sfruttarla e nel 2023 vuole farsi trovare pronta.

MotoGP, Fabio Quartararo ha fame di nuove vittorie: spera nella Yamaha

Quartararo ha rinnovato il contratto con Yamaha ottenendo delle precise garanzie tecniche per il futuro. In Giappone hanno investito tanto sul reparto motoristico, assumendo un ingegnere di altissima competenza come Luca Marmorini e anche altri tecnici importanti. La M1 nel 2023 dovrebbe avere un propulsore maggiormente performante.

Il francese spera di non rimanere deluso, anche perché ha fame di nuovi successi in MotoGP e lo ha ribadito a Motorsport-Magazin: “Voglio essere ricordato come il ragazzo che non si è mai arreso ed è sempre stato in prima linea in MotoGP. Voglio vincere molte gare e spero più titoli mondiali. Io voglio sempre vincere, sono sempre in modalità competitiva“.

Fabio ha l’ambizione di diventare una leggenda del Motomondiale e spera di avere a disposizione un mezzo competitivo nei prossimi anni: “La M1 è una buona moto di base, ma manca di accelerazione e potenza. Se eliminiamo le nostre debolezze, possiamo lottare per vincere in ogni gran premio“.

Il pilota di Nizza ora si sta godendo un po’ di vacanza, non mancando di tenersi in forma per la nuova stagione. A febbraio ci sarà il primo test a Sepang e quello sarà un primo momento di verità. La Yamaha avrà fatto i progressi sperati? Dobbiamo attendere per capire come avranno lavorato a Iwata, dove sono consapevoli di non poter deludere Quartararo.