Lecuona, dalla Superbike badilata alla MotoGP: critica pesante

Lecuona contento di essere passato nel Mondiale Superbike: la MotoGP non gli manca e lancia qualche frecciata.

Anche Iker Lecuona è tra coloro che, non trovando più posto in MotoGP, ha dovuto migrare nel Mondiale Superbike. La KTM non ha voluto dargli più fiducia a fine 2021 e lo ha scaricato assieme a Danilo Petrucci, di cui era compagno nel team Tech3.

Lecuona (ANSA)
Lecuona (ANSA)

Nel campionato delle derivate di serie ha trovato posto nel team ufficiale Honda insieme a un altro pilota che ha lasciato il Motomondiale, ovvero Xavi Vierge. Il primo anno è stato soprattutto di apprendimento ed è arrivato un solo podio. Per il 2023 l’obiettivo è di lottare con maggiore costanza con i top rider della categoria.

Il 22enne valenciano spera che la squadra HRC lo metta nella condizione per essere competitivo. Sono previsti un po’ di aggiornamenti sulla CBR1000RR-R Fireblade. Alcuni sono stati provati nel test a Jerez, però le condizioni di bagnato hanno impedito di svolgere il lavoro che era stato programmato.

Superbike, a Lecuona la MotoGP non manca

Lecuona ha sicuramente il talento per fare bene nel Mondiale SBK. Lasciando la MotoGP ha riscoperto il piacere di correre: “In MotoGP spesso mi annoiavo. Mi mancavano le lotte e i sorpassi che ho invece ritrovato in Superbike. In alcune gare ho battagliato in ogni curva con piloti come Bassani, Rinaldi o Locatelli. Ci siamo sorpassati anche cinque-sei volte nel medesimo giro. Davvero divertente“.

Il pilota spagnolo è contento di come si è trovato nel nuovo campionato e ha fiducia per il futuro. Essere in Superbike gli dà grandi stimoli, pensa che ci sia una griglia di tutto rispetto: “Il livello è molto alto e credo che si alzerà ulteriormente con l’arrivo di Gardner e Petrucci“.

Lecuona ricorda che nel 2023 nel WorldSBK ci saranno pure Remy Gardner e Danilo Petrucci. Il primo arriverà dalla MotoGP, dove a sua volta è stato scaricato da KTM, e guiderà per il team GRT Yamaha. Invece, Petrux ha trascorso l’ultimo anno in MotoAmerica Superbike e guiderà per la squadra Barni Ducati.

Sarà una griglia molto interessante. Da seguire anche piloti come Dominique Aegerter (campione Supersport e compagno di Gardner ora) e Bradley Ray (campione BSB e adesso con Motoxracing). Ci sono diversi nomi intriganti, oltre a quelli del titanico trio Bautista-Razgatlioglu-Rea. Pure Lecuona spera di ritagliarsi un po’ di gloria. Molto dipenderà dai progressi che sarà in grado di fare Honda.