Verstappen, incidente in un rally: che brutto spavento

Jos Verstappen è stato protagonista di un incidente nel corso di un rally disputato in Belgio. Brutto colpo di sfortuna per l’olandese.

La carriera di Jos Verstappen è stata meno fortunata rispetto a quella di suo figlio, il quale ha già vinto due titoli mondiali di F1 ad appena 25 anni di età. Il genitore, che ha corso anche in Benetton al fianco di Michael Schumacher nel lontano 1994, ha concentrato tutta la propria attenzione su Super Max, nella speranza di farlo diventare, un giorno, un grande campione.

Jos e Max Verstappen (ANSA)
Jos e Max Verstappen (ANSA)

C’è da dire che Jos ci è riuscito alla grande, costruendo una sorta di robot che è cresciuto con un solo obiettivo: vincere a ripetizione in F1, divenendo, con il passare del tempo, una macchina infallibile. I primi anni del pilota della Red Bull nel Circus non sono stati semplici, a causa di una lunga serie di errori e manovre pericolose, ma il talento era già evidente.

Max Verstappen ha debuttato in F1 ad appena 17 anni, con la Toro Rosse nel 2015, vincendo subito il confronto interno con Carlos Sainz, ora protagonista al volante della Ferrari. La Red Bull decise di promuoverlo nel team di punta dopo poche gare della stagione successiva, e l’orange rispose presente vincendo al debutto in Spagna.

La sua crescita non era però affatto completa, e per almeno altri due anni, Super Max ha continuato ad alternare prove leggendarie ad errori grossolani, come quello che scatenò il contatto con Daniel Ricciardo a Baku, nel 2018, un vero e proprio disastro per la sua squadra.

Qualcosa cambiò un mese dopo a Monaco, durante le ultime libere. L’olandese, grande favorito per la pole position, andò a sbattere distruggendo la monoposto, che risultà non reparabile in tempo per le qualifiche. Ricciardo dominò così sia le prove che la gara, ma quel week-end fece scattare una sorta di click nella testa del predestinato di casa Red Bull.

Da quella gara in poi, gli errori di Max si contano davvero sulle dita delle mani, ed ora è nettamente il più forte in circolazione. Gran parte del merito è proprio di papà Jos, il quale, anche con metodi molto duri, lo ha cresciuto con l’obiettivo di farlo diventare il migliore. Qualche tempo fa, il due volte campione del mondo ha raccontato un episodio curioso, che ha stregato gli appassionati.

Dopo un errore in una gara di kart, il piccolo Super Max venne abbandonato in autogrill dal padre, una lezione molto dura da digerire per quello che era praticamente un bambino. Il tempo però, ha dato ragione all’ex pilota, che ora si gode un figlio che è diventato una superstar, in grado di battere tutti i più forti a cominciare da sua maestà Lewis Hamilton.

Come detto, la carriera di Jos non è stata altrettanto brillante, con appena 2 podi conquistati e 17 punti ottenuti. La sua soddisfazione più grande resta la vittoria della 24 ore di Le Mans del 2008 con la Porsche RS Spyder del Van Merkesteijn Motorsport, in classe LMP2. Oggi, l’olandese si diverte gareggiando sporadicamente, ma nell’ultimo week-end ha vissuto un gran bello spavento durante un rally corso in Belgio.

Verstappen, incidente per papà Jos in Belgio

Jos Verstappen ha chiuso in 31esima posizione il rally di Spa-Francorchamps, corso nei pressi del tracciato di F1 assieme al copilota Renaud Jamoul. L’olandese ha preso parte alla corsa a bordo di una Citroen C2 Rally2, ed aveva disputato un ottimo week-end restando a lungo in lotta per il podio.

Purtroppo, lo champagne è svanito proprio nell’ultima giornata di gara, precisamente nella tredicesima tappa. Il padre del due volte campione del mondo rally ha spiegato cosa è accaduto con esattezza sul suo sito ufficiale: “L’auto è uscita di strada in frenata. Abbiamo colpito un albero con la ruota posteriore destra, che ha rotto una staffa. Siamo riusciti a sostituirla e continuare“.

I problemi di Verstappen sono proseguiti anche nella tappa seguente: “All’ingresso della seconda curva, la macchina è scivolata via, abbiamo colpito un piccolo palo con il posteriore sinistro. Sono successe molte cose dall’inizio dell’anno. Abbiamo imparato molto, è super divertente da fare e sono contento di poter condividere l’auto con un ottimo copilota, posso dirlo molto onestamente. Mi ha insegnato tanti segreti di questo tipo di gare, e possiamo crescere ancora molto insieme“.

L’incidente non ha rappresentato nulla di troppo grave, anche se non è mancato lo spavento. Jos ha comunque dimostrato di saperci fare, e state pur certi che tornerà presto in pista per gare di questo tipo. Nel frattempo, suo figlio si gode le vacanze, nell’attesa di tornare presto in vettura.