Jorge Lorenzo, che frecciata clamorosa: c’entra qualcosa Marquez

Jorge Lorenzo ha una grande considerazione di Marc Marquez: le sue parole sugli ultimi campionati MotoGP sono eloquenti.

Jorge Lorenzo e Marc Marquez hanno avuto una grande rivalità, soprattutto nel 2013 quando il fenomeno di Cervera debuttò in MotoGP e i due si giocarono il titolo fino all’ultima gara. Fu il rookie a trionfare, approfittando anche di qualche problema fisico avuto dall’avversario durante la stagione.

Jorge Lorenzo (ANSA)
Jorge Lorenzo (ANSA)

In quell’anno ci fu una grande tensione a Jerez, quando MM93 effettuò una manovra di sorpasso nello stesso punto in cui nel 2005 Valentino Rossi la fece su Sete Gibernau. Avvenne un contatto e il maiorchino finì largo, perdendo la gara. Non mancarono le polemiche, però anche in tale occasione il vincitore non fu penalizzato.

I due spagnoli hanno avuto alcune belle battaglie nel corso degli anni, basti pensare a quelle avvenute al Mugello nel 2014 e nel 2016. La prima vinta dal pilota Honda e l’altra da quello Yamaha per pochi millesimi. Non si può dimenticare neppure quella nel GP d’Austria del 2018, con il maiorchino che mise la sua Ducati davanti alla RC213V del connazionale.

L’anno dopo si sono trovati compagni di squadra nel team Repsol Honda e le cose non sono andate bene per il cinque volte campione del mondo. Tante difficoltà nell’adattarsi alla moto di Tokio e anche dei problemi fisici che lo hanno condizionato. A fine campionato è arrivato un inatteso ritiro, ma è rimasto il rispetto reciproco tra i piloti.

MotoGP, Jorge Lorenzo elogia Marc Marquez

Lorenzo in un’intervista concessa a Solomoto.es si è espresso sul valore degli ultimi tre titoli MotoGP vinti rispettivamente da Joan Mir, Fabio Quartararo e Francesco Bagnaia: “Per me non c’era il migliore pilota, che è ancora Marc Marquez. Senza di lui è stato più facile. Con un Marc al 100%, sicuramente qualcuno dei titoli non sarebbe arrivato. Non so se li avrebbe vinti tutti lui, però penso che il vero Marc avrebbe potuto farcela”.

Jorge non ha dubbi, Marquez è tuttora il migliore pilota della MotoGP e senza di lui gli avversari hanno avuto vita decisamente più semplice: “Penso che sia ancora il migliore – spiega – sia tecnicamente sia mentalmente. Magari fisicamente no, per via dell’infortunio”.

Il pentacampione del mondo risponde anche sulla possibilità di vedere un MM93 al massimo nel 2023: “Se il braccio sta bene, sì. Ovviamente l’età avanza e gli infortuni si fanno sentire. Quando avevo 20 anni non avevo paura di cadere, poi nelle ultime stagioni non volevo cadere e rischiare di farmi male. Ciò ha influito sulle mie prestazioni e potrebbe succedere anche a Marc. Però resto convinto che se lui è al 100% e la Honda lo aiuta, possono vincere gare e mondiali”.

Il futuro di Marquez dipende molto dalle sue condizioni fisiche. Se non avrà più problemi, allora potrà fare la differenza e vincere ancora. Chiaramente, anche la Honda dovrà fare la propria parte. C’è un contratto fino al 2024 e il fenomeno di Cervera si aspetta di avere sempre una moto vincente, altrimenti valuterà la possibilità di cambiare.