Verstappen, impossibile ripetersi? La speranza lasciata a Ferrari

Max Verstappen ha dominato anche ad Abu Dhabi, comandando la gara dall’inizio alla fine. Ecco le sue parole alla fine della gara.

Nessun problema per Max Verstappen in quel di Abu Dhabi, pista dove ha vinto per il terzo anno consecutivo, a poco meno di un anno dalla conquista del suo primo titolo mondiale. Il figlio di Jos è stato perfetto sin dalla partenza, gestendo la superiorità sua e della Red Bull, prendendosi il 15esimo successo stagionale, il 17esimo della RB18 che ha annichilito la concorrenza.

Verstappen (LaPresse)
Verstappen (LaPresse)

La gara di Verstappen lo ha visto scattare come un falco, tenendosi la prima posizione senza troppi problemi con il compagno di squadra alle sue spalle. Il ritmo delle Red Bull è stato inarrivabile sin dalle prime fasi, con l’olandese che prende il volo riuscendo a staccare Checo.

Buono anche il passo di Leclerc, che dopo una difficoltà iniziale riesce a ritrovare il ritmo facendosi sotto a Perez. Il monegasco e Super Max sono i due piloti più veloci in pista, mentre le Mercedes fanno più fatica, contro ogni previsione. Checo è il primo ad effettuare la sosta tra i big, mentre il campione del mondo e Charles si fermano più tardi, forse provando a puntare su una sola sosta.

Al 33esimo giro, invece, è Perez a fermarsi per la seconda sosta montando una seconda gomma Dura, mentre il leader e Leclerc decidono di andare avanti, dando credito alla loro strategia iniziale. Checo ritorna in pista dietro alle due Mercedes, mettendosi a caccia del gruppone di testa.

Il vantaggio di Super Max è di 5 secondi esatti su Leclerc, ma l’iridato è in totale controllo della situazione, senza aver troppi problemi sul fronte del degrado. L’orange prosegue così come il monegasco su una sola sosta, così come Lewis Hamilton che infatti viene scavalcato agevolmente da Perez.

Il figlio di Jos non ha alcun segno di degrado sulla gomma Dura, volando a vincere la corsa. Tuttavia, per la Red Bull c’è comunque un piccolo rammarico, dal momento che Perez non riesce a superare Leclerc, il quale si laurea vice-campione del mondo dopo una gara strepitosa.

La prova del monegasco fa capire quanto sia enorme il suo talento, che ora ha bisogno di una Ferrari all’altezza per tutta la stagione. Molto emozionante l’ultimo giro, in cui tutti ringraziano Sebastian Vettel, ritiratosi dalla F1 dopo quattro titoli mondiali, lui che rese grande la Red Bull per la prima volta.

Verstappen, ecco le sue parole dopo la gara

Max Verstappen non ha avuto rivali in quel di Abu Dhabi, candidandosi, ovviamente, al ruolo di grande favorito anche per la prossima stagione. Il passo della Red Bull è stato devastante, con una gestione accorta della gomma Dura che gli ha consentito di effettuare un solo pit-stop.

Il 2023 si aprirà, dunque, con tanta voglia di riscatto da parte di Ferrari e Mercedes, con il Cavallino che si consola con il secondo posto di Charles Leclerc tra i piloti ed anche la piazza d’onore tra i costruttori. Super Max, dopo la fine della gara, regala spettacolo con dei bornout, fatti anche dal monegasco sulla linea del traguardo. Alla festa si unisce anche Sergio Perez, comunque vincitore di due gare quest’anno.

Non poteva mancare, ovviamente, anche Sebastian Vettel, che come Fernando Alonso nel 2018 si è divertito con i “tondi”, che tanto amava quando vinceva i titoli mondiali con il team di Milton Keynes. Poco dopo, Verstappen ha raccontato le proprie emozioni sul successo odierno.

Ecco le sue parole: “La stagione perfetta? Devo dire che è così, bella gara tutta incentrata sulla gestione delle gomme, le abbiamo gestite benissimo, sia le Medie che poi le Dure nella seconda parte. 15 vittorie in questa stagione, è stata incredibile, non so come ringraziare il team. Abbiamo raggiunto un risultato incredibile, sarà difficile cercare di ripetere qualcosa del genere, ma è sicuramente una motivazione per fare ancora meglio. Ora ci godremo l’inverno, ma è ovvio che continueremo a spingere“.

Super Max non ha avuto rivali neanche oggi, e la sua prestazione non può far star tranquilli i rivali in chiave 2023. La Mercedes, dopo il dominio in Brasile, qui è stata in grande difficoltà, mentre la Ferrari è apparsa in ripresa, ma ci sarà tanto da fare per poter pensare di dar battaglia ai siluri di Adrian Newey.

La Red Bull è superiore in tutto, e sembra davvero di rivivere l’epoca di Sebastian Vettel per il livello tecnico raggiunto ed anche per le qualità del pilota di punta. Ora ci saranno vari mesi di pausa, ma poi si tornerà presto a far sul serio, nell’attesa di una battaglia che sarà ancor più accesa di quest’anno.