La Lancia Delta torna in vita? Guardate che spettacolo (FOTO)

In attesa del rilancio atteso nel 2028, c’è un marchio che ha deciso di rendere omaggio alla Lancia Delta. E il risultato è impressionante.

E’ uno dei marchi più antichi di automobili in Italia. parliamo di Lancia, nata nel 1906 ma che da qualche decennio sembra essere caduto in un torpore che non è degno della sua storia. Fondata a Torino da Vincenzo Lancia, si specializzò ben presto nella fabbricazione di veicoli di lusso. Nel 1958 fu acquistata da Carlo Pesenti, che poi cedette qualche anno dopo l’azienda alla Fiat che, successivamente, nel 1986, dopo l’acquisizione dell’Alfa Romeo accorpò i due marchi nella controllata Alfa-Lancia Industriale. Nel 2007 la Lancia divenne Lancia Automobiles, prima del definitivo inglobamento del gruppo italo-statunitense FCA in Stellantis. E oggi la gloriosa storia di questo marchio sembra di nuovo poter rinascere.

Lancia (AdobeStock)
Lancia (AdobeStock)

Manca ancora in realtà un vero piano industriale dettagliato per la Lancia, ma molti appassionati sperano in un’operazione risveglio che possa portare a nuovi modelli sul mercato. Anche perché ormai da anni le vendite sono affidate solo ed esclusivamente alla seppur longeva e vincente Ypsilon.

Il rilancio di Lancia in Europa è però, secondo voci, sempre più vicino. Il 28 novembre sarà una data chiave. Infatti in un post su LinkedIn, il CEO Luca Napolitano ha annunciato per quella data un evento, “Lancia Design Day”, che è stato descritto come “il primo evento del Rinascimento di Lancia”. Per il momento i dettagli si fermano qui, ma questo ha creato enormi aspettative. Il marchio è infatti al lavoro su una nuova gamma di modelli, per un rilancio davvero ambizioso.

Nel futuro della Lancia un nuovo stile elegante ma anche sportivo, oltre all’uso di piattaforme modulari del gruppo Stellantis e la propulsione elettrica. Ma, a quanto pare, il rilancio partirà di nuovo dalla Ypsilon, che debutterà in una nuova veste nel 2024. Nel 2026, poi, sarà la volta dell’ammiraglia Aurelia, una SUV elettrica da 4,7 metri, mentre nel 2028 vedremo invece il ritorno su strada di un vero mito, la Delta.

Lancia, arriva una Delta davvero speciale

A dire la verità negli anni questo mito è tornato in vita con diversi restomod avveniristici, che ne hanno voluto esaltare il suo glorioso passato nel Mondiale Rally. Oggi però ha fatto il suo debutto un modello davvero unico, chiamato Hintegrale, creato da Angelelli Automobili. Il costruttore romano ha voluto presentare questa vettura che rende omaggio alla Lancia Delta ma in formato futurista.

Le forme sono squadrate ma ricordano davvero quel gioiello che ha conquistato tutti tra gli anni Settanta e Ottanta. Questa Hintegrale è costituita da una monoscocca in lega di titanio e alluminio stampata in 3D senza giunzioni, saldature o viti. Una vettura che, per concezione, si ispira alle ossa dei volatili ed è realizzata con mezzi che arrivano dal settore aerospaziale. la carrozzeria ricorda molto la vecchia Lancia Delta, ma presenta numerose appendici aerodinamiche attive che sono controllate elettricamente e che variano la propria incidenza in base ad accelerazione, velocità e frenata. Tra le caratteristiche anche la Virtualmind Real 360°, una visione panoramica che consente di fare a meno degli specchietti retrovisori. All’interno c’è un unico monitor touch con grafica configurabile dal pilota.

Per questa speciale Lancia Delta ci saranno quattro versioni. Si partirà da un 1.8 biturbo da 280 CV, che avrà anche una versione ibrida (con due motori elettrici posteriori) da 400 CV e 550 CV. Ma ci sarà anche una variante totalmente elettrica che avrà sempre quattro ruote motrici e un powertrain da oltre 950 CV. I prezzi? Davvero top, perché si andrà da 90.000 euro fino ai 550.000 euro della WRC stradale da 550 CV. Ad oggi si pensa di produrla in circa 50 esemplari per i modelli meno potenti, mentre le versioni più importanti addirittura potrebbero avere una tiratura limitata a sole 25 unità.