Hamilton rinnova con Mercedes? Ecco cosa sta succedendo

Hamilton smette o continua a correre in F1? Fra qualche settimana potrebbe arrivare la risposta definitiva. A dirlo è il boss Mercedes Wolff.

Il contratto di Lewis Hamilton con la Stella scadrà al termine della prossima stagione. Eppure già si comincia a discutere di ciò che sarà. Sì perché negli ultimi tempi l’inglese ha ripetuto spesso di voler restare ancora a lungo in F1 a dispetto dei suoi 37 anni.

Il mancato ottavo sigillo dell’anno passato e la débâcle tecnica della Mercedes di quello in corso, hanno fatto crescere l’acquolina in bocca al #44 che ora vorrebbe rimanere almeno altre cinque stagione per raggiungere gli obiettivi che si è posto.

Lewis Hamilton (Ansa Foto)
Lewis Hamilton (Ansa Foto)

Se questo avverrà tale e quale ai propositi attuali del pilota, resta da vedere. Di certo il campione di Stevenage ha appena creato una casa di produzione cinematografica, nonché  cominciato a porre le basi per la propria vita/carriera al di fuori delle competizioni, in un ambito decisamente più glamour, tra Hollywood, la musica e la moda.

Hamilton prosegue con Mercedes? Le parole del boss

Sull’argomento, in occasione del GP del Messico, il responsabile del muretto Toto Wolff ha cercato di fare chiarezza, rivelando di non essere alla ricerca di altro nome che non sia quello di Ham.

Dunque, nessuna fretta di giungere alla firma, visto che non vi sarebbe alcun giovane rampante da inserire al suo posto. “Non abbiamo ancora cominciato a parlare del futuro, perché preferiamo aspettare la fine del Mondiale. Come per il precedente contratto, ci siederemo ad un tavolo con calma durante l’inverno“.

Diventato un emblema del marchio avendo vinto ininterrottamente con i suoi colori dal 2014 al 2020, con un’unica eccezione il 2016 andato al compagno di squadra Nico Rosberg, il britannico è una pedina fondamentale per Stoccarda.

Per noi è molto più di un pilota“, ha precisato il manager di Vienna evidenziando l’aurea di riferimento assoluto che si è costruito l’inglese all’interno del gruppo tedesco. “Pur non essendo al termine del suo percorso, ci confronteremo pure sul suo ruolo di ambasciatore della Casa e dei numerosi sponsor che abbiamo“.

Ed effettivamente il legame tra Lewis e le Frecce d’Argento è sedimentato e longevo come in rari casi si è visto nel cangiante ambiente della top class dell’automobilismo. L’inizio fu nel 2007, al debutto del corridore nel grande Circo, quando il costruttore germanico, forniva i motori alla McLaren, e da lì non si è mai interrotto. Anche se per la verità il rapporto è partito molto prima.

Sono con Mercedes da quando avevo 13 anni. Di conseguenza è come una famiglia“, ha spiegato. “Mi sono stati vicini nella buona e nella cattiva sorte. Quando sono stato espulso da scuola, così come nelle difficoltà o quando ho commesso errori“.

La relazione sinergica e di estrema fiducia permette di scartare qualunque ipotesi di partenza verso altri lidi. Magari per tentare altre sfide. Nuove incognite. “Credo molto nel brand e nel suo staff“, ha sostenuto. “E io vorrei essere un ottimo compagno di squadra per loro, così da farla crescere ulteriormente e diventare più forte“, ha chiosato con una serie di propositi densi di motivazione a proseguire.