MotoGP, Bagnaia non dimentica Valentino Rossi: confessione da brividi

Pecco Bagnaia ha cementato un rapporto molto solido con Valentino Rossi. I due si conoscono da anni, essendo il ducatista un grande rappresentante dell’Academy del Dottore.

Pecco Bagnaia è in lizza per sua prima corona iridata in MotoGP. Il torinese è il leader della classifica piloti e ha tutti i fari puntati addosso. In una situazione così delicata, qualche consiglio di un campione navigato può fare la differenza. Il piemontese ha un bellissimo rapporto con due ex centauri della MotoGP che lo hanno aiutato nel suo percorso di crescita. Da quando è arrivato nel team Ducati ufficiale il centauro ha sempre avuto l’appoggio di Casey Stoner che ha confessato, apertamente, di tifare per il rider italiano.

Pecco Bagnaia Valentino Rossi (Ansa Foto)
Pecco Bagnaia Valentino Rossi (Ansa Foto)

Nel corso della sua vita, però, Pecco deve ringraziare Valentino Rossi per il sostegno ricevuto sin dalle categorie minori. Se il torinese è diventato un pilota in grado di conquistare una corona in top class è merito di un mentore eccezionale. Pecco, infatti, è cresciuto nell’Academy di Valentino Rossi, riuscendo a scalare tutte le classifiche. In Moto2 grazie allo SKY Racing Team VR46 il numero 63 ha vinto il suo primo titolo nel motomondiale. Il nove volte campione del mondo, grazie alla sua straordinaria esperienza sulle due ruote, ha formato il giovane e sostenuto la sua crescita. Oggi Pecco è il nuovo alfiere della classe regina e potrebbe succedere al suo maestro. L’ultimo pilota italiano ad essersi laureato campione del mondo in MotoGP è stato Vale nel 2009.

Sono passati tanti anni e potrebbe presto chiudersi un cerchio. Pecco ha un match point già in Malesia, ma potrebbe chiudere la pratica in Spagna, nell’ultimo appuntamento stagionale. I tifosi della Ducati aspettano con ansia un titolo che manca dal 2007. L’ultimo e l’unico ad aver conquistato un mondiale per la casa di Borgo Panigale nella classe regina è stato Casey Stoner. Tra i consigli dell’australiano e il sostegno di Valentino Rossi, di certo Pecco non è stato poco supportato nella sua giovane carriera. E’ arrivato in MotoGP, nel team Pramac, su una Desmosedici. I primi due anni non sono stati indimenticabili, ma la squadra ha investito sull’italiano, promuovendolo nel team ufficiale, in coppia con Jack Miller. Quest’ultimo sarebbe dovuto essere il nuovo Stoner, ma alla fine è emerso Bagnaia.

Il centauro ha sfiorato il titolo nel 2021, vincendo a raffica nel finale di stagione. La sfida a Quartararo è continuata anche nel 2022 e stavolta l’epilogo potrebbe sorridere all’italiano. In tante occasioni Pecco ha ringraziato Valentino Rossi e ha aggiunto che avrebbe sognato battagliare con lui quando il Dottore era il numero uno. Avrebbe dovuto nascere in un altro periodo storico, ma Pecco si è comunque tolto la soddisfazione di correre al fianco del suo idolo nelle scorse stagioni. Il ritiro del centauro di Tavullia ha dato a Bagnaia, in un certo senso, ancor più visibilità. La marea gialla sulle tribune sta diventando sempre più rossa e l’amore per la Ducati cresce a dismisura, in ogni angolo della terra.

Il legame tra Valentino Rossi e Bagnaia

E’ stata la sorella di Pecco, Carola, a parlarne in una recente intervista alla Repubblica. E’ a causa della sorella che nel mondo suo fratello è conosciuto come Pecco. Da bambina, infatti, Carola iniziò a chiamare il suo fratellino Pecco e da allora sono diventati, assolutamente, inseparabili come due gemelli. La sorella del centauro della Ducati ha raccontato che Pecco era solito alzarsi all’alba per vedere le gare di Valentino Rossi. E fu così anche nel 2009, in occasione dell’ultimo titolo del fenomeno della Yamaha, proprio sul tracciato di Sepang. La sorella non ha mai avuto dubbi sulle qualità del fratello, ma ci sono stati periodi molto difficili.

L’esordio nel motomondiale è stato complicato. “Quella stagione la chiuse a zero punti. Era un ragazzino di 16 anni che faceva sacrifici enormi, inseguendo un sogno. I professori del liceo insistevano: ‘Cosa perdi tempo con le motorette, pensa al tuo futuro. Studia, ché sei bravo coi libri’. E poi, sono arrivati Valentino Rossi, Uccio Salucci”. Hanno conosciuto Pecco e incontrato Pietro, il padre di Bagnaia. Pecco Bagnaia il nuovo Valentino Rossi? La risposta è disarmante.

Il Dottore propose di accoglierlo nella sua Accademy. “Rossi sapeva tutto di lui. Pecco dice che gli ha salvato la vita. Dal 2017 sono io che lo seguo in giro per il mondo – ha aggiunto la sorella – mi occupo della parte social. Come me è timido, riservato, fatica ad aprirsi, ha bisogno di qualcuno su cui contare. Insomma: ci aiutiamo a vicenda. Quando s’arrabbia diventa intrattabile, guai a contraddirlo. Meglio lasciare che gli passi. È una persona intelligente, sa cambiare idea. Perfezionista, anzi: precisino”. Il torinese ha gestito, in questa stagione, un carico di pressioni e responsabilità importante, ma ora deve chiudere in bellezza e far felici tutti, compreso Valentino Rossi.