F1, cosa fa oggi Nico Rosberg? Ha cambiato la sua vita

L’ex campione del mondo di F1, Nico Rosberg, ha deciso di lasciare il circus dopo aver battuto il compagno di squadra in Mercedes, Lewis Hamilton.

Nico Rosberg è stato uno dei pochi in grado di infliggere una amara sconfitta a Lewis Hamilton. Il tedesco arrivò in Mercedes prima dell’anglocaraibico, dovendo fronteggiare un altro fenomeno. Per la rinascita del team teutonico i vertici scelsero di affiancare al giovane figlio d’arte, il grande Michael Schumacher. Per il Kaiser fu un clamoroso ritorno nel circus. Nico dimostrò di essere un talento varo, riuscendo a stare, regolarmente, davanti all’esperto campione ex Ferrari.

In molti obiettarono che l’ex Barone rosso di Maranello non poteva essere al massimo della forma o quello dei giorni migliori, ma in ogni caso il giovane Nico mise in mostra una regolarità spaziale. Accantonata l’avventura di Michael, la squadra con sede a Brackley punto le sue fiches sul nativo di Stevenage. Lewis aveva vinto un titolo mondiale con la McLaren nel 2008 e lottato fino alla fine in altre due occasioni per la corona, ma non attraversava un grande periodo. Nel 2013 vinse due gare, mentre Lewis conquistò un solo Gran Premio, ma la maggiore costanza dell’anglocaraibico fece la differenza in termini di posizionamento in classifica.

Nico Rosberg (Ansa Foto)
Nico Rosberg (Ansa Foto)

Al primo anno in Mercedes Lewis arrivò al quarto posto, mentre il figlio d’arte di Keke concluse sesto. Con il passaggio alla nuova era ibrida, la Stella a tre punte spiccò il volo e Lewis iniziò a riscrivere le pagine storiche della categoria regina del Motorsport. Arrivarono trionfi in successione e il #44 si aggiudicò i titoli mondiali 2014 e 2015. Nico terminò in entrambe le occasioni al secondo posto in classifica. La superiorità della vettura teutonica risultò schiacciante. Le altre squadre non si fecero trovare pronte al cambiamento epocale dei motori ibridi. Ferrari e Red Bull Racing arrancarono terribilmente, non riuscendo a rispondere all’offensiva tedesca. Ferrari, che bordata dall’ex pilota: arriva un’accusa molto pesante.

La nuova vita di Nico Rosberg

Il 2016 rappresentò l’annata più entusiasmante per la sfida interna tra i due driver della Mercedes. Nico Rosberg, rispetto alle stagioni precedenti, iniziò fortissimo. Il tedesco inanellò una striscia di quattro vittorie nei primi quattro Gran Premi. Lewis sottovalutò, probabilmente, le potenzialità del teammate. Nella parte centrale del campionato il sette volte campione del mondo si rifece sotto, vincendo sei Gran Premi su sette round. Quando tutto sembrava, di nuovo, andare nella direzione dell’anglocaraibico, Rosberg rialzò la china, post summer break. Il figlio d’arte di Keke vinse a Spa, Monza, Singapore e Suzuka. Tracciati storici in cui fece la differenza nel confronto diretto con Lewis.

La mazzata per il vincitore di 103 tappe di F1 arrivò in occasione del Gran Premio di Malesia, sestultima tappa del campionato. Hamilton avrebbe dovuto vincerle tutte per provare a sfilare un titolo meritato al suo compagno di squadra. Il motore, invece, andò in fumo quando LH44 era in testa alla corsa. A quel punto a Nico bastò arrivare sempre secondo nelle ultime quattro tappe. Il tedesco si laureò per la prima e ultima volta campione del mondo, riuscendo ad eguagliare il successo iridato di suo padre. Nico decise di ritirarsi a sorpresa, al termine dell’impresa storica. La squadra teutonica scommise su Valtteri Bottas per non creare nuovi contrasti. Il finlandese si dimostrò un fido secondo, non riuscendo mai a mettere in difficoltà Lewis in ottica mondiale.

Fu una scelta vincente perché la squadra, nell’era ibrida della F1, continuò ad aggiudicarsi titoli costruttori, conquistando la striscia record di otto mondiali consecutivi. L’ultimo è arrivato lo scorso anno, dopo un testa a testa con la Red Bull Racing avvincente. Lewis ha mancato la chance di vincere l’ottavo titolo personale e, di sicuro, non dimenticherà facilmente la beffa subita all’ultimo giro di Abu Dhabi. Nel 2016, invece, la stagione fu altrettanto dura per Lewis, ma il mondiale non lo perse in circostanze particolari. Ocon ha svelato il suo prossimo compagno di team? La Ferrari non sarà felice.

Nico Rosberg, dopo aver appeso il casco al chiodo, si è dedicato alla sua famiglia e a nuove attività. L’ex pilota della Williams è diventato uno Youtuber di successo. Opinionista, saltuariamente su Sky Italia e Sky Germania, continua ad interessarsi alla categoria regina del Motorsport. I motori saranno sempre la sua passione. Per questo vi consigliamo di dare una occhiata al suo canale YouTube che conta 1,36 Mln di iscritti.