Chi è il pilota più grande di tutti i tempi in F1? Scopriamolo

La storia della F1 è ricca di fenomeni straordinari, ma è possibile stilare una classifica assoluta? Proviamo a rispondere alla domanda.

Il mondiale di F1 rappresenta la massima espressione motoristica, il sogno di tutti i giovani piloti che si affacciano al mondo dell’automobilismo. In tanti sono riusciti ad arrivarci, altri hanno dovuto ripiegare su altre categorie. C’è una domanda che tifosi, addetti ai lavori e semplici appassionati si pongono molto spesso, ed è la seguente: chi è il più grande di tutti i tempi?

F1 (ANSA)
F1 (ANSA)

La risposta che va per la maggiore è che non è possibile parlare di un pilota migliore degli altri, dal momento che questa meravigliosa categoria ha preso il via nel lontano 1950, oltre settant’anni fa, e che sono state vissute epoche molto differenti tra di loro. I puristi sostengono che la vera F1 sia morta tantissimo tempo fa, probabilmente all’inizio degli anni Novanta o dopo la morte di Ayrton Senna.

Effettivamente, il Circus attuale è ben diverso da quello del passato, dove in nome della sicurezza sono state sacrificate tante piste storiche, dove i cavalieri del rischio sono stati ormai sostituiti da piloti molto diversi, seppur comunque ricchi di talento. Tra i piloti più forte di sempre rientrano, ovviamente, quelli più vincenti.

In termini di titoli mondiali, a parità a quota sette ci sono Michael Schumacher e Lewis Hamilton, seguiti dai cinque di Juan Manuel Fangio, dai quattro di Alain Prost e Sebastian Vettel e così via. Gli appassionati ricordano con enorme affetto uno che si chiamava Jim Clark, iridato per due volte con la Lotus, nel 1963 e nel 1965.

Vista l’epoca in cui l’ex contadino britannico correva, le sue imprese furono giudicate leggendarie, ma anche un suo contemporeaneo, vale a dire Graham Hill, non può non rientrare in questo gruppo di campionissimi. Il padre di Damon è stato l’unico ad aver ottenuto la famosa Tripla Corona, vale a dire vittoria nel mondiale di F1, alla 500 Miglia di Indianapolis ed alla 24 ore di Le Mans.

F1, ecco i migliori di sempre

Impossibile estromettere dalla classifica dei più grandi di sempre della F1 Ayrton Senna, il tre volte campione del mondo brasiliano giudicato da molti come il più forte di tutti. Il nativo di San Paolo ha corso con TolemanLotus, McLaren e Williams, ma la sua carriera terminò prematuramente a causa del drammatico incidente di Imola, datato primo maggio 1994.

Le imprese del grande brasiliano hanno fatto la storia, facendogli guadagnare l’appellativo di “Magic”. Dopo di lui fu il momento di Michael Schumacher, che riuscì a superarlo in termini di pole position, prima ancora che arrivasse un certo Lewis Hamilton, il quale ha raggiunto le 103 partenze al palo ed altrettante vittorie.

Lo scorso anno, Lewis era ad un passo dall’ottavo alloro iridato, ma il destino ha voluto che Max Verstappen glielo strappasse proprio all’ultimo giro. L’olandese è sicuramente candidato ad entrare tra i più grandi di sempre della F1, visto che quest’anno si sta candidando alla vittoria del secondo mondiale, e con la sua giovane età tante vittorie potrebbero arrivare nei prossimi anni.

Una menzione la meritano sicuramente Niki Lauda e Gilles Villeneuve. L’austriaco ha portato a casa tre mondiali, due dei quali dopo l’incidente del Nurburgring del 1976, dal quale si riprese tornando in pista, con un coraggio straordinario che ha fatto la storia di questo sport.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

“L’Aviatore” ha vinto solo sei gare, ma è entrato nella storia per ben altri motivi. La sua capacità di non mollare mai, di gettare sempre il cuore oltre l’ostacolo e di prendersi rischi impressionanti sono rimasti nel cuore dei tifosi e non solo della Ferrari. In sostanza, è impossibile fare una classifica e stabilire chi sia stato il pilota più forte di tutti i tempi, sia per il discorso delle epoche diverse che per i vari giudizi soggettivi degli appassionati. Non ci sono dubbi sul fatto che tutti hanno fatto la storia, e che non verranno mai dimenticati.