Quartararo, cosa l’ha frenato nella rincorsa a Bagnaia? Lui dice la sua

C’è soddisfazione da parte di Quartararo per il secondo posto conquistato nella gara MotoGP in Austria: persi pochi punti rispetto a Bagnaia.

Il weekend a Spielberg poteva essere abbastanza complicato per Fabio Quartararo, che invece ne è uscito quasi indenne. Francesco Bagnaia ha vinto, ma gli ha guadagnato solamente 5 punti e adesso sono 44 quelli che li separano in classifica. Il campione in carica della MotoGP ha conquistato una seconda posizione che vale quasi come una vittoria al Red Bull Ring.

Fabio Quartararo (Ansa Foto)
Fabio Quartararo (Ansa Foto)

Guardando l’andamento di prove libere e qualifiche, per il pilota Yamaha la gara in Austria poteva essere particolarmente difficile. C’erano tante Ducati competitive e che avevano il potenziale per arrivargli davanti, facendogli perdere più di 5 punti in classifica generale. Tuttavia, lui se l’è cavata egregiamente e ha conquistato il suo miglior risultato finora in Stiria.

Tra l’altro, nel finale della gara si è anche avvicinato a Bagnaia e al traguardo ha accusato meno di un secondo di distacco. Il segnale che il francese ha davvero fatto una super prestazione. Nonostante la Yamaha M1 soffra in rettilineo, lui ha saputo metterci una grossa pezza e tornare a casa con 20 punti che lo fanno salire a quota 200 in classifica.

MotoGP Austria 2022, Quartararo contento del 2° posto al Red Bull

Quartararo al termine della gara al Red Bull Ring si è così espresso ai microfoni di Sky Sport MotoGP: “Sono molto contento di come è andata. Da venerdì a oggi ero stato dietro le Ducati. La corsa è stata tosta, per fare un sorpasso devi aspettare che qualcuno faccia un errore e questo mi ha stoppato nell’arrivare più presto a Pecco. Sono felice, abbiamo fatto una bella gara”.

Il pilota francese conferma le difficoltà di sorpassare con la Yamaha e ha il piccolo rimpianto di non aver potuto recuperare prima Bagnaia. Con qualche cavallo in più, che dovrebbe avere l’anno prossimo, magari avrebbe potuto superare prima e impensierire il rivale. Comunque è andata benissimo lo stesso.

Fabio ha anche spiegato la scelta del pneumatico posteriore medio, preferito a quello morbido: “Ho deciso cinque minuti di partire la gomma. Inizialmente dovevamo partire con hard-soft, poi abbiamo fatto hard-medium. Non volevo che andasse come a Silverstone e credo di aver fatto la scelta giusta e sicura”.

Infine Quartararo ha commentato il bel sorpasso su Jack Miller, effettuato in prossimità della nuova variante del Red Bull Ring: “È stato veramente difficile, non me lo aspettavo. Ho frenato tardi, lui invece prima del solito e non se lo aspettava. L’ho sorpreso, sono contento di essere stato aggressivo”.