Bagnaia come Leclerc? Il pilota Ducati risponde al paragone

Bagnaia è forte in Austria e lo è un po’ tutta la pattuglia Ducati: può essere utile per recuperare altri punti su Quartararo in classifica.

La pole position sembrava ormai sua, ma Enea Bastianini lo ha beffato nell’ultimo time attack delle Qualifiche MotoGP in Austria. Comunque Francesco Bagnaia partirà dalla seconda casella della griglia e ha il potenziale per fare una gara da vertice.

Pecco Bagnaia (Ansa Foto)
Pecco Bagnaia (Ansa Foto)

Il Red Bull Ring è storicamente un circuito favorevole alla Ducati e anche in questo weekend c’è stata la conferma. Anche se è stata introdotta una chicane che spezza il rettilineo dopo curva 1, la Desmosedici GP resta la moto più forte. Non va escluso un podio tutto ducatista, anche se Fabio Quartararo farà di tutto per evitarlo.

A proposito del pilota Yamaha, parte in quinta posizione e con tante Ducati competitive attorno non sarà affatto semplice per lui. Rischia di dover fare una corsa in difesa a Spielberg e di perdere altri punti rispetto a Pecco, che è a -49 in classifica e punta a diminuire questa distanza per rientrare in lotta per il titolo.

MotoGP Austria, Bagnaia contento dopo le Qualifiche

Bagnaia al termine delle Qualifiche in Austria ha parlato ai microfoni di Sky Sport MotoGP e si è detto soddisfatto delle sue performance: “Sono molto felice della mia squadra, ha fatto un grandissimo lavoro. Abbiamo fatto un passo avanti grosso in FP4, ora ho il ritmo per lottare per la vittoria. Ci sono tante Ducati davanti, ma non mi faranno vincere. Bastianini va forte, Zarco va forte… Vedremo”.

A Pecco viene domandato se si attende che Jack Miller possa dargli una mano nella lotta al titolo mondiale: “Lo scorso anno a Austin mi ha fatto passare. Da Jack mi aspetto un aiuto del genere, siamo amici e ci troviamo bene nel team. Abbiamo parlato tanto sulle gomme e le varie cose, vogliamo entrambi essere davanti ed è bello che sia così. Non mi aspetto che mi faccia passare, però da una persona come Jack mi attendo che in caso di difficoltà mi possa aiutare di più. Comunque è ancora in lotta per il campionato, quindi non mi farà passare”.

A Sky Sport lo hanno paragonato a Charles Leclerc, pilota della Ferrari in F1, ma il piemontese non è esattamente d’accordo: “La situazione è un po’ diversa. Nel mio caso ci sono stati miei errori quando sono caduto. Nel suo c’è stato qualche errore derivante dalla complessità che può avere una gara di Formula 1. Sono due cose differenti. Io ho cercato di capire meglio le situazioni durante la gara. Secondo me loro stanno lavorando per dare a Charles la possibilità di crescere tantissimo. Credo che sia tra i piloti più forti che ci siamo. Credo ci siano stati solo problemi di difficoltà in una situazione di una corsa di F1”.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Bagnaia intanto darà il massimo per vincere in Austria, dove non può assolutamente sprecare il potenziale che ha la Ducati al Red Bull Ring. E se gli altri colleghi di marchio gli daranno un “aiuto” in funzione anti-Quartararo, ancora meglio.