Jonathan Rea, si avvicina l’annuncio: il pilota Kawasaki esce allo scoperto

Sembra ormai tutto stabilito per il futuro di Jonathan Rea nel Mondiale Superbike: il pilota Kawasaki ha fatto un’ammissione.

Anche nel 2023 vedremo Jonathan Rea nel Mondiale Superbike, non ci sono dubbi. I 35 anni non si sentono, è ancora un grande campione e può serenamente proseguire la sua carriera puntando a nuovi successi.

Jonathan Rea (Foto LaPresse)
Jonathan Rea (Foto LaPresse)

Nonostante i sei titoli iridati conquistati tra il 2015 e il 2020, ha tuttora fame di vittorie e vuole prendersi anche la settima corona iridata. Ha già dichiarato di non voler correre fino a quando avrà 40 anni, ma per almeno un altro paio di stagioni lo dovremmo vedere sulla griglia SBK.

Certamente ci sarà nel 2023, dato che la trattativa con Kawasaki è decollata e probabilmente presto ci sarà un annuncio ufficiale. Il pilota nord-irlandese ha chiesto garanzie tecniche, ovvero una Ninja ZX-10RR più veloce, e la casa di Akashi vuole accontentarlo. I rapporti tra le parti sono ottimi e le firme sono scontate, considerando pure che Johnny non ha altre alternative per vincere nel WorldSBK.

Jonathan Rea e Kawasaki, avanti anche nel 2023: parla il pilota

Rea, interpellato dai giornalisti a Donington, ha avuto modo di confermare che presto dovrebbe essere definito formalmente il suo futuro nel Mondiale Superbike: “Sta andando tutto bene, siamo in fase avanzata della trattativa e tutto sarà chiaro nelle prossime settimane. Sicuramente sarò qui nel 2023, sono molto motivato a gareggiare”.

Il sei volte campione del mondo ha fiducia in Kawasaki, ci sono rapporti consolidati da anni e crede che ci saranno i miglioramenti che lui auspica: “Ciò che negoziamo è confidenziale, ma con Kawasaki c’è rispetto reciproco. Non si tratta di discutere l’aspetto economico, ma di essere competitivi, Quindi bisogna vedere come il produttore immagina il futuro e le idee sulla prossima moto. Tutti i produttori sono competitivi e voglio mettermi nella migliore posizione possibile. Se firmo ancora, è perché ci credo”.

Per Johnny è naturale proseguire con il marchio di Akashi, anche perché in Ducati e Yamaha non c’è spazio. Honda e BMW oggi non hanno moto vincenti e dunque sarebbe un azzardo per lui accettare un nuovo trasferimento. Lo rivedremo ancora in sella a una Ninja ZX-10RR, che lui spera di vedere più competitiva nel 2023.

Rea ha più volte evidenziato che la sua moto ha bisogno di un motore più performante per non soffrire troppo rispetto a Ducati in rettilineo. Vedremo se Kawasaki gli metterà a disposizione un pacchetto tecnico migliore nel 2023. Se firma il rinnovo, significa che le garanzie sono state date.