Mick Schumacher torna a parlare di papà Michael: sentite cosa ha detto

Il primo pensiero di Mick Schumacher non poteva che essere per suo padre in una delle giornate più importante della sua vita.

Il giovane tedesco ha, finalmente, sfatato il tabù, conquistando i primi punti in Formula 1. Una gioia molto attesa che ha riportato gli appassionati alle sfide di Michael con Jos. Tali padri, tali figli, che si sono dati battaglia nei giri finali del Gran Premio di Silverstone. Il pilota della Haas si è lasciato ingolosire, ritrovandosi davanti un Max Verstappen in atroci sofferenze nel finale di gara.

Mick e Michael Schumacher (Ansa Foto)
Mick e Michael Schumacher (Ansa Foto)

Il campione del mondo ha preso in pieno, quando era in testa, un pezzo di carbonio che gli ha distrutto il fondo. La wing car austriaca ha perso carico aerodinamico e i tempi si sono, naturalmente, alzati. Max ha pensato quasi al ritiro, non riuscendo ad aver grip, in particolar modo sulle mescole hard. Mick Schumacher, invece, ha trovato un buon passo ed è sempre, costantemente, stato in zona punti e davanti al compagno di team. Fin qui il figlio del Kaiser aveva sofferto molto il confronto con l’esperto Magnussen.

Il danese era tornato, dopo la parentesi in IndyCar, per ridare quel pizzico di regolarità ad una squadra che con due rookie, nel 2021, non era riuscita a trovare guizzi. La vettura dello scorso anno non era nemmeno sviluppata, dato che i tecnici del team americano hanno puntato tutto sulla wing car 2022. La VF22 si è rivelata essere un’auto competitiva sin dai primi test prestagionali. Il quinto posto in Bahrain del danese ha certificato la bontà del progetto. Kevin Magnussen ha replicato anche in Arabia Saudita, in Italia e in Inghilterra. Risultati in zona punti che hanno dato respiro alla squadra, ma messo tanta pressione al tedesco.

Mick Schumacher ha commesso diversi errori, distruggendo un paio di Haas. Steiner, sempre nel suo modo poco colorito, ha fatto capire che la squadra non avrebbe atteso all’infinito il tedesco. Gli è stato intimato di migliorare le sue prestazioni e di non commettere altri errori. Un compito arduo perché Mick avrebbe dovuto alzare il ritmo, senza sfasciare altre vetture. A Silverstone non sono arrivati errori banali. La vicinanza della sua famiglia lo ha aiutato a compiere la sua prima piccola impresa nella categoria regina del Motorsport.

Il ricordo di Mick per Michel Schumacher

Il pilota della Haas, nel finale, ha anche provato a beffare Max Verstappen. La Safety Car causata dall’avaria tecnica dell’Alpine di Esteban Ocon ha ricompattato il gruppo. I piloti nelle prime posizioni hanno battagliato come se non ci fosse un domani, arrivando a compiere sorpassi meravigliosi. Quello di Leclerc alla Copse su tutti. Alle spalle dei ferraristi, di Perez, Hamilton, Alonso e Norris, Max e Mick si sono sfidati per la settima piazza. Il tedesco non ha voluto osare più di tanto, anche perché un errore avrebbe compromesso ancora una volta la sua corsa. In Ferrari, invece, regna il caos. Alonso si schiera: Charles Leclerc è attonito.

Kevin Magnussen, inoltre, è arrivato decimo al traguardo, portando altri punti a casa. Il team guidato da Günther Steiner ha piazzato le sue due vetture nella zona punti. Uno Schumacher è tornato a marcare punti in F1 da quando il grande Michael, il 25 novembre 2012, nel Gran Premio del Brasile arrivò settimo al volante della Mercedes. Dieci anni dopo Mick ha sfatato il suo personale tabù, facendo impazzire di gioia il suo team. La Haas non concludeva a punti con entrambi i piloti dal Gran Premio di Germania del 28 luglio 2019 (Romain Grosjean 7° e Magnussen 8°). Nella graduatoria generale dei piloti, Mick è balzato 17° con 4 punti, mentre KM è undicesimo con 16 punti. Nei costruttori la Haas è ottava con 20 punti, davanti ad Aston Martin e Williams.

Steiner è rimasto molto soddisfatto della guida del giovane tedesco. “Mick, lavoro fantastico, grazie per la tua guida, finalmente è successo, guida impressionante, grazie”, ha detto il team principal italiano. E Mick ha rilasciato una frase molto significativa anche alla radio. “Finalmente ragazzi, ve l’avevo detto che questo sarebbe stato il weekend! Siete fantastici ragazzi, fo*****mente brillanti, fo*****mente brillanti! Scusate le mie parolacce! Dimostra che sbagliano e credi in te: così dicevo a papà”.

Parole da brividi che fanno capire quanto Mick ci tenesse a raggiungere questo traguardo. In pista Corinna e Gina-Maria hanno fatto i complimenti al pilota quando ancora era nell’abitacolo. La sorella, via radio, ha dichiarato: “Hey Mick, Super, Super, Super…”. Mick ora potrà vivere con maggiore serenità i prossimi appuntamenti. Ecco gli orari del GP d’Austria. Vi sarà spazio anche per la seconda Sprint Race dell’anno. Le qualifiche sono spostate al venerdì e già da sabato i piloti si daranno battaglia in gara con sorpassi a ripetizione. In palio quest’anno ci sono anche più punti rispetto all’esperimento della scorsa annata. Scopriremo se la Haas si confermerà in zona punti.