Russell, a Silverstone la riscossa Mercedes? Il britannico si scompone

George Russell è consapevole che la Mercedes possa far bene a Silverstone con gli sviluppi. Ecco le sue prime parole del fine settimana.

Una Mercedes molto vogliosa di far bene arriva a Silverstone ancora a secco di vittorie. Dopo nove gare, il team di Brackley ha ottenuto solo qualche podio con George Russell e Lewis Hamilton, che non sono mai stati in grado di far meglio del terzo posto. Così male, la compagine diretta da Toto Wolff non era mai andata nella prima parte di stagione da cui c’è il manager austriaco a dirigere le operazioni.

Russell (ANSA)
Russell (ANSA)

Per ritrovare un inizio di campionato così negativo per gli anglo-tedeschi occorre tornare al 2011, quando, a dire il vero, non era stato conquistato neanche un piazzamento tra i primi tre, ai tempi di Michael Schumacher e Nico Rosberg. L’altra coincidenza con quella stagione è il dominio Red Bull, all’epoca guidato da Sebastian Vettel che ha lasciato il testimone a Max Verstappen.

Nel paddock di Silverstone incute molto timore la RB18 aggiornata per l’occasione, con Adrian Newey che è riuscito a snellire la sua vettura con una sorta di scavo. Per il momento, le novità sulla Mercedes sono rimaste piuttosto nascoste, ma stando a quello che si apprende la freccia d’argento sarà piuttosto rivisitata.

Il team di Brackley è comunque apparso in netta ripresa in occasione del Gran Premio del Canada, concluso al terzo posto da Hamilton davanti a Russell. Il sette volte campione del mondo ha dato una bella risposta dopo una stagione, sin qui, a dir poco tremenda e dove era stato demolito dal nuovo compagno di squadra.

L’ex Williams resta comunque il punto di riferimento del team di Brackley, dal momento che domenica ha rimediato alla grandissima ad una qualifica negativa rimontando in poche tornate. Il britannico aveva azzardato la scelta delle slick nel Q3 con pista ancora bagnata, perdendo diverse posizioni.

George, dopo un errore frutto di inesperienza, ha dimostrato di essere ormai un top driver, pur non riuscendo a liberarsi di Hamilton e strappargli il podio nel finale di gara. Va detto che il Gran Premio del Canada ha visto una buona rimonta di Charles Leclerc, partito dal fondo dopo che la Ferrari ha deciso di cambiargli la power unit.

Russell, ecco le sue prime parole a Silverstone

George Russell non ha mai chiuso a punti nella gara di casa, ma la cosa non sorprende visto che tra il 2019 ed il 2021 l’ha disputata al volante della poco competitiva Williams. Quest’anno non può certo disporre della miglior Mercedes della storia, ma il podio può essere un obiettivo realistico.

La Ferrari, infatti, non presenterà novità tecniche di rilievo, ed il fine settimana del Cavallino non è iniziato nel modo migliore. Sulla monoposto di Carlos Sainz è stato infatti cambiato il telaio, per via di un’ulteriore rottura della pompa della benzina ravvisata dopo l’assemblaggio della monoposto nei box di Silverstone.

La sfortuna non sembra voler lasciar tranquilli i piloti ed i meccanici della Scuderia modenese, mentre la Mercedes vuole concludere tra i primi tre per la terza volta consecutiva, che sarebbe la sesta in stagione. Russell è uno dei piloti più in forma, anche se non ha ancora digerito l’errore nella scelta delle gomme in Canada che gli ha precluso un ulteriore finale davanti a Lewis Hamilton.

L’ex Williams ha raccontato le proprie sensazioni alla stampa: “Certamente è sempre entusiasmante tornare qui a Silverstone per me dal momento che si tratta della mia gara di casa. Sulla carta, potrebbe essere un fine settimana migliore per noi, potremmo essere più competitivi rispetto alle ultime gare“.

George ha concluso: “Ma, a prescindere dalla macchina e di quello che è sulla carta, penso che da pilota hai solo il dovere di concentrarti su te stesso ed estrarre il 100% del potenziale della vettura. Dunque, per me, questi aggiornamenti tecnici non contano molto, il mio compito è solo quello di sfruttare al massimo quello che ho a disposizione e fare sempre meglio“.