Marc Marquez, com’è andata l’operazione? Ecco il responso

Si è conclusa l’operazione di Marc Marquez in Minnesota. Il dottor Sanchez Sotelo fa un bilancio di quanto avvenuto.

Marc Marquez in queste ore è negli Stati Uniti per sottoporsi ad intervento chirurgico al braccio destro dopo l’incidente rimediato a Jerez nel mese di luglio 2020. In queste ore il team Repsol Honda ha diramato un comunicato ufficiale per segnalare che l’operazione si è conclusa con successo e allega le parole del dottor Joaquin Sanchez Sotelo che ha guidato l’operazione insieme al suo staff medico presso la Mayo Clinic di Rochester, in Minnesota.

Marc Marquez (foto Ansa)
Marc Marquez (foto Ansa)

Il team medico dichiara che l’operazione si è conclusa con successo e l’inizio della guarigione di Marc Marquez può avere inizio. Il fenomeno di Cervera resterà sotto osservazione per un paio di giorni negli USA e poi farà ritorno a Madrid, dove seguirà un piano di riabilitazione e dovrà seguire i tempi dettati dai medici. Inutile al momento chiedersi quando rivedremo in pista il campione spagnolo, anche se l’obiettivo non troppo celato è di rivederlo nel corso di questa stagione.

L’intervento al braccio di Marc Marquez

L’importante per adesso è che l’operazione si sia conclusa nel modo migliore, come spiega il dottor Sanchez Sotelo: “Oggi abbiamo operato l’omero destro del Sig. Marc Marquez – si legge nella nota ufficiale -. L’intervento ha avuto una durata di quasi tre ore -. Nonostante la complessità della procedura, il risultato finale è stato soddisfacente”. Nelle tre ore in sala operatoria i medici hanno rimosso le due viti prossimali della placca posteriore posizionata dal dottor Samuel Antuña nel dicembre 2020, per poi eseguire un’osteotomia omerale rotazionale.

In termini più pratici è stato realizzato un “taglio trasversale dell’osso omerale per ruotare l’omero lungo il suo asse lungo – prosegue il dottor Sotelo -. La quantità di rotazione eseguita oggi è stata di circa 30 gradi di rotazione esterna. L’omero è stato stabilizzato nella nuova posizione utilizzando una placca anteriore con viti multiple. L’intervento è stato completato senza complicazioni – Auguriamo al Sig. Marquez una pronta guarigione e un felice ritorno alla sua carriera professionale”.

Nei prossimi giorni Marc Marquez ritornerà nella sua nuova casa a Madrid, dove vive con suo fratello e sua madre. Potrà seguire un piano di fisioterapia ad hoc, ma prima di settembre è impensabile poterlo rivedere in azione su una MotoGP. Per Honda l’obiettivo massimo sarebbe averlo a disposizione prima della pausa invernale, in modo da ricevere i suoi feedback sulla RC213V del prossimo anno.