GT World Challenge Magny-Cours: trionfo Mercedes, male Valentino Rossi

Dopo l’incidente in qualifica e la prova incolore in gara-1, Valentino Rossi ha dato il massimo per provare a fare la differenza nell’appuntamento di gara-2.

L’obiettivo alla vigilia della sfida domenicale era quello di riscattare il quindicesimo posto in gara-1, dopo il crash in qualifica. Le caratteristiche della pista non erano delle più agevoli per un rookie. Il Dottore, alla vigilia di gara-2, voleva dare seguito alla top-10 di Brands Hatch. L’esordio del primo appuntamento stagionale, invece, non era andato come nelle aspettative, con il clamoroso errore ai box che aveva di fatto compromesso la gara dell’equipaggio del team Audi WRT.

Valentino Rossi (Ansa Foto)
Valentino Rossi (Ansa Foto)

L’ex pilota della Yamaha ha iniziato a familiarizzare con tutte le complicate procedure del campionato GT e aveva mostrato passi in avanti nella tappa inglese. Rossi ha iniziato a conoscere anche di più le caratteristiche dell’Audi R8, migliorando il feeling con la vettura tedesca. La Mercedes ha fatto veramente la differenza nell’appuntamento francese. Un Hat-trick spettacolare della squadra teutonica che ha comandato per tutto l’arco della corsa, senza mai cedere la prima posizione.

Raffaele Marciello e Timur Boguslavskiy hanno conquistato gara-2 a Magny-Cours. Un successo netto e mai messo in discusso, dato l’ampio margine sugli inseguitori. Il pilota svizzero di origini italiane si è preso la testa della graduatoria. Doppietta per il team Akkodis Asp, con il secondo posto di Maxi Goetz e Jim Pla. Terza l’Audi Sainteloc Junior Team #25 di Niederhauser e Panis. Delusione per Simmenauer e Mies del team Audi #33 che sono stati penalizzati e hanno perso il podio.

La performance di Valentino Rossi

La corsa è stata da dimenticare per tutto il team WRT. Non sono proprio riusciti a fare la differenza. Molto male Vanthoor e Weerts che hanno anche perso la leadership del campionato. I campioni in carica non sono riusciti a replicare quanto fatto in gara-1 e hanno chiuso al sesto posto. Il nove volte campione del mondo e il suo compagno di equipaggio Frederic Vervisch erano in zona punti nella prima parte della cosa. Ma Valentino Rossi a pochi minuti dal traguardo ha commesso un errore e si è distanziato dalla top 10.

Il Dottore ha perso i secondi decisivi per provare un attacco e alla fine è stato anche costretto a guardarsi negli specchietti per l’arrivo di Thomas Drouet sulla Mercedes. Il pilota di Tavullia alla fine ha concluso undicesimo, patendo non poco nella sfida di Magny-Cours. Il nove volte campione del mondo deve ancora ambientarsi al meglio nel campionato GT. Era scontato che un asso del Motorsport come Rossi, dopo 26 anni nel Motomondiale, dimostrasse dei lampi ma facesse fatica con chi è cresciuto nell’automobilismo.

Valentino Rossi sta cercando di accumulare esperienza in una categoria complessa, fatta di tanti piloti in grado di fare la differenza. Il prossimo round del campionato GT è in programma ai primi di giugno a Le Castellet per l’Endurance Cup e la 1000 km. Il Dottore proverà ad allenarsi al massimo per farsi trovare pronto per il prossimo appuntamento.