Valentino Rossi, le parole di Joan Mir emozionano i suoi fan

Valentino Rossi ha chiuso la sua carriera a 42 anni: gli elogi arrivano dal campione spagnolo della Suzuki Joan Mir.

Sesto posto in classifica per Joan Mir dopo le prime sei gare, a pari punti con Pecco Bagnaia. Il campione maiorchino della Suzuki non è pienamente soddisfatto del suo inizio di stagione: l’ascesa sul podio non è ancora riuscita nelle prime sei gare, pur riconfermando di essere costante nei risultati. A fronte del suo compagno di box Alex Rins che ha già collezionato due podi in questo campionato 2022.

Valentino Rossi (foto LaPresse)
Valentino Rossi (foto LaPresse)

Per Joan Mir si prospetta un futuro in Honda dopo l’annuncio che Suzuki lascerà il Mondiale a fine anno. Il suo manager aveva trovato un accordo con la Casa di Hamamatsu nelle settimane scorse e mancava solo la firma. Ma il cambiamento di strategia aziendale lo costringe a mettersi alla ricerca di una nuova sella per il 2023 e molto probabilmente prenderà il posto di Pol Espargarò sulla RCV del team ufficiale. “A volte hai bisogno di motivazione ed è per questo che cambi moto. È un rischio molto alto, puoi cambiare al momento giusto”.

Jaon Mir e la carriera di Valentino Rossi

Una cosa è certa, qualunque cosa gli riservi il futuro non avrà una carriera come quella Valentino Rossi. Joan Mir non si vede alla guida di un prototipo MotoGP fino alla soglia dei 40 anni. “Valentino Rossi ha avuto una carriera magnifica – ha detto in una intervista rilasciata a Moto.it durante il fine settimana a Portimao -. Gli anni trascorrono, vinci, raggiungi la vetta: questa è la tua carriera. Penso che adesso sia più difficile per un pilota proseguire fino a 42 o 43 anni in MotoGP. Sono certo che non ci sarà nessun altro campione come lui, in grado di arrivare a 43 anni con tanta passione”.

Per il maiorchino sarà l’ultima stagione con Suzuki, l’obiettivo non cambia. Potrebbe essere l’occasione giusta per scrivere un’altra pagina di storia del Motomondiale prima del cambio di livrea. “Bisogna partire conquistando punti e superare nel migliore dei modi i tracciati iniziali, che di solito mi trovo meno a mio agio. Poi gara dopo gara devi aumentare di intensità, questa è stata sempre la mia strategia”.

Nonostante l’inizio di stagione non troppo facile, Joan Mir si dice ottimista per il proseguimento del campionato. Anche se resta da capire quanto influirà l’uscita del marchio dalla MotoGP su questo campionato. “Credo che possa essere una buona stagione per noi. C’è molta concorrenza ed è difficile, ma abbiamo tutto per puntare alla vittoria”.