Hamilton, arriva il ringraziamento a sorpresa: tifosi senza parole

Esaltato dall’aria della Florida, Hamilton sottolinea il potere dello sport come modo di esprimersi soprattutto per i più giovani.

In America Lewis Hamilton si sente come un pesce in mare. Non per nulla, nella sua fuga post sconfitta di Abu Dhabi l’anno scorso è stata il suo rifugio. E più di chiunque altro in griglia si sta godendo i giorni di avvicinamento al primo GP dell’era moderna della F1 in quel di Miami.

Lewis Hamilton (Ansa Foto)
Lewis Hamilton (Ansa Foto)

In questa settimana lo abbiamo visto posare davanti alla bandiera a stelle e strisce e lanciare un messaggio di positività nei confronti della vita e degli ostacoli che ci propone, augurando a tutti amore e luce. “Non permettere a nessuno di farti smettere di essere ciò che sei”, in suo invito su Twitter.

Per non parlare delle ospitate tv, dove è stato accolto come un vero divo. Qualcosa di impensabile fino a poco tempo fa, dato che negli States il Circus non è mai stato preso molto in considerazione

Quindi ancora il compagnia del sette volte campione di football americano Tom Brady, con cui si è divertito a giocare a golf.

Raggiante per il clamore e l’attenzione mediatica, Ham ha messo sull’avviso: “C’è un’enorme attesa e sono tutti eccitati. Non manca neppure un po’ di nervosismo perché ci sarà tanta gente  ed è un circuito nuovo“.

Per Hamilton lo sport è salvezza

Con la sua associazione personale, che gestisce assieme al suo capo e amico Toto Wolff, l’inglese sta cercando di aiutare i più giovani ad avvicinarsi alle materie scientifiche e ad un ambiente selettivo e chiuso come quello dell’automobilismo.

Mi piace l’idea di avvicinare i bambini a scienza, tecnologia, ingegneria e matematica“, ha commentato. “Lo sport unisce le persone e mi ha salvato la vita. Sono contento che stiamo facendo qualcosa di buono“.

E chissà se un buon lavoro lo hanno fatto anche i tecnici della Mercedes. Nel periodo di stacco dopo Imola nella galleria del vento di Brackley sono state fatte diverse prove per tentare di limitare i saltellamenti che, come sappiamo, stanno rendendo complicata la stagione della Stella. Stando a quanto riferito dallo stesso dirigente viennese, la squadra porterà negli Stati Uniti almeno un paio di evoluzioni che dovrebbero aiutare in questo senso.