F1, colpo di scena alla vigilia di Miami: il Covid-19 torna a colpire

Il mondiale di F1 si prepara al Gran Premio di Miami, che verrà disputato su una pista nuova. Qualcuno potrebbe non essere presente.

La quinta tappa della stagione 2022 della F1 si disputerà a Miami, sul nuovissimo tracciato situato nei dintorni dell’Hard Rock Stadium, dove venne disputata, due anni fa, la finale del campionato di football americano, il famosissimo Super Bowl. A far tremare la città della Florida questa volta saranno le power unit turbo-ibride della massima formula, pronte a conquistare i tifosi statunitensi.

F1 (LaPresse)
F1 (LaPresse)

Si tratta di un tracciato totalmente nuovo, in cui è impossibile azzardare pronostici. A vedere la mappa della pista, sembrerebbe avvantaggiata la Red Bull, anche grazie ad un rettilineo lungo 1,2 km. Lo spettacolo non mancherà, e la corsa si svolgerà ad un orario davvero insolito per l’Italia: la bandiera verde è infatti prevista per le 21:30 nel nostro paese.

La F1 deve, purtroppo, fare ancora i conti con il Covid-19, che due anni fa ritardò l’inizio del mondiale, e che in questo inizio di stagione ha costretto Sebastian Vettel a saltare i primi due appuntamenti. Il tedesco ha ceduto il volante della sua Aston Martin a Nico Hulkenberg, tornando in azione in Australia. Scopriamo chi sono gli sfortunati che sono risultati positivi.

F1, positivi i due direttori di gara

La F1 ha cambiato totalmente rotta dopo le polemiche di Abu Dhabi, allontanando Michael Masi dal ruolo di direttore di gara. Al suo posto sono arrivati Eduardo Freitas e Niels Wittich, con esperienze nel mondiale endurance, nel DTM ed in Formula E. Purtroppo, sono proprio i due ad essere risultati positivi al Covid-19, e non è chiaro se riusciranno ad essere presenti in quel di Miami.

A riportarlo è “Sky Sports News“, la quale ha appreso che entrambi sono risultati positivi questa settimana. Significherebbe che c’è qualche possibilità che almeno uno possa essere negativo per l’evento inaugurale di Miami, che prenderà il via venerdì prossimo. Le persone che viaggiano negli Stati Uniti sono tenute a mostrare un risultato negativo del test Covid-19 effettuato non più di un giorno prima del viaggio.

Michael Masi è attualmente in Australia e non è considerato un potenziale sostituto se Freitas e Wittich non fossero in grado di partecipare al GP di Miami. Le opzioni più probabili sarebbero i veterani britannici Herbie Blash, vicedirettore di lunga data del compianto Charlie Whiting, e Colin Haywood, che sarebbe dovuto essere il vicedirettore di gara a Miami.

Tuttavia, nessuno dei due ha mai ricoperto il ruolo di direttore di gara di F1. Scott Elkins, che è il direttore di gara del DTM, potrebbe essere un’altra opzione. Steve Nielsen, direttore sportivo del Circus, non è un’opzione per il momento, ma occorrerà attendere i prossimi giorni per la comunicazione ufficiale.