Hamilton, da Rosberg parole al veleno: “Wolff non ha detto la verità”

Rosberg commenta le parole di Wolff nei confronti di Hamilton: l’ex pilota Mercedes fa dichiarazioni che fanno discutere.

Per Lewis Hamilton un gran premio da dimenticare a Imola. Il tredicesimo posto è una grande delusione per il sette volte campione del mondo, battuto nettamente anche dal suo compagno di squadra.

Nico Rosberg
Nico Rosberg (Foto LaPresse)

George Russell, infatti, ha concluso la gara in quarta posizione e dunque ha portato a casa dei punti importanti. L’ex Williams negli ultimi appuntamenti del calendario in Arabia Saudita e Italia è arrivato davanti e precede il teammate nella classifica generale di 21 punti.

In vista dei prossimi gran premi sono previsti aggiornamenti da parte della scuderia di Brackley, insoddisfatta del rendimento della W13. Hamilton spera di trarre vantaggi notevoli dagli update che verranno portati. Sa che probabilmente non riuscirà a lottare per vincere il suo ottavo titolo in F1, però si aspetta che il team gli permetta al più presto di essere più competitivo.

Mercedes F1, Rosberg commenta le scuse di Wolff a Hamilton

Toto Wolff al termine della gara di Imola si è scusato con Lewis per non avergli messo a disposizione una macchina sufficientemente guidabile e veloce. Al tempo stesso gli ha promesso che usciranno dalla difficile situazione attuale.

Nico Rosberg conosce molto bene sia la Mercedes che Hamilton e, intervistato da Sky Sports ha detto la sua opinione sul complicato momento che sta vivendo la sua ex squadra: “La tensione sta salendo. Toto dopo le qualifiche era arrabbiato con Lewis, forse perché ha criticato un po’ troppo la squadra nel team radio. Hamilton ha esperienza e credo riuscirà a controllare le sue emozioni, anche se è difficile vederlo così giù”.

Il campione del mondo del 2016 ha avuto modo anche di dire la sua opinione sulle scuse che Wolff ha rivolto a Hamilton dopo la corsa di Imola: “Ci si assume le colpe per cercare di supportare e sollevare mentalmente Lewis. È molto intelligente, però non è la verità. Non scordiamo che George con la stessa macchina è giunto quarto, quindi Lewis ha delle responsabilità nel suo pessimo risultato”.

Il fatto che Russell sia davanti in classifica può essere fonte di motivazione per il sette volte iridato di Formula 1: “Lewis – afferma Rosberg – odia finire dietro al suo compagno di squadra. Ciò aumenta la tensione e porta a spingere di più. George ha la grande chance di battere con la stessa macchina il migliore di sempre”.

Vedremo come andrà la lotta tra i piloti Mercedes e se ci saranno momenti di tensione tra loro. La cosa importante per entrambi è che la scuderia migliori la macchina per poter fare risultati superiori a quelli visti finora.