Bastianini crede ancora nel Mondiale: la caduta non lo abbatte

Una caduta mette fine alla gara di Enea Bastianini che ha spinto troppo con la sua Ducati. Ma fra pochi giorni ritornerà in modalità attack.

Enea Bastianini era partito bene nel Gran Premio di Portimao, stava recuperando posizioni, era ad un passo dalla top 10, ma una caduta ha messo fine alla sua gara e gli ha fatto perdere la leadership del Mondiale. Ma fra una settimana, anzi meno, si ritornerà in azione a Jerez de la Frontera, una pista che calza a pennello al pilota del team Gresini Racing.

Enea Bastianini (foto Ansa)
Enea Bastianini (foto Ansa)

Un errore personale ha messo fuori gioco il pilota romagnolo quando mancavano 16 giri dal traguardo. Il fine settimana è stato complicato dalla caduta nella Q1 che gli ha impedito l’accesso alla Q2 e provocato un dolore al polso che ha dovuto gestire anche in gara. La pista non era del tutto favorevole al suo stile di guida, mancando grandi zone di frenata che esaltano la sua guida.

Bastianini vuole subito il riscatto

C’è amarezza nelle parole di Enea Bastianini che però assicura di ritornare in modalità attack già dal prossimo round. “Sicuramente un peccato, potevamo fare bene, eravamo partiti con il piede giusto, abbiamo fatto una buona partenza. Stavo cercando di recuperare, ho fatto tre giri dietro Pol Espargarò e non riuscivo a passarlo. Ci ho provato al limite alla curva 1, poi sperando di guadagnare un po’ di terreno ho spinto più forte ed ho fatto un errore, mi sono fatto prendere un po’ troppo”.

Peccato per la caduta, ma il ‘Bestia’ aveva il ritmo per chiude tra il 4° e 5° posto. “Un’ottima rimonta, stavamo girando forte, avevamo il potenziale per finire più avanti. E’ stato un week-end particolare, abbiamo lavorato bene e la moto era buona, non ci mancava niente sull’asciutto. Gli altri forse hanno fatto un turno in più sull’asciutto, io ho dovuto fare tutto in fretta stamattina nel warm up – ha ricordato Enea Bastiaini -, ma la base non era male, sono partito subito carico. Il Mondiale resta aperto”.

Il campionato del mondo di MotoGP ritornerà in azione fra cinque giorni a Jerez, sesto round di questa stagione sempre più imprevedibile. Caduta anche per Jorge Martin nel GP di Portimao, quindi resta in ballo il ballottaggio tra Martin e Bastianini per un posto nel team factory. La decisione della Ducati non sarà per niente facile.