MotoGP Portimao, libere 3: Oliveira comanda, cade Marquez

Il terzo turno di libere della MotoGP in Portogallo ha visto prevalere Oliveira con la KTM, davanti a Miller e Quartararo. Cade Marquez.

La MotoGP si prepara alla quinta qualifica della stagione, e la sensazione è che si tratterà di una vera e propria lotteria. La pioggia è tornata a cadere pesantemente sul tracciato di Portimao, dove domani pomeriggio si disputerà il Gran Premio del Portogallo, su una delle piste più belle di tutto il Motomondiale.

MotoGP Miguel Oliveira (LaPresse)
MotoGP Miguel Oliveira (LaPresse)

La miglior prestazione è stata segnata dalla KTM di Miguel Oliveira, che prima dell’arrivo del diluvio ha girato in 1’50”552. L’idolo locale, già vincitore qui nel 2020, ha confermato il suo grande feeling con condizioni di bagnato, ponendosi davanti al gruppo grazie anche alle ottime performance della sua moto.

Come ricordiamo, Oliveira aveva già dominato sotto la pioggia il Gran Premio dell’Indonesia di un mese fa, dove non aveva lasciato scampo ai rivali con un passo del tutto diverso. Il portoghese spera vivamente che queste condizioni possano ripetersi anche nella giornata di domani oltre che nelle qualifiche pomeridiane.

La classifica combinata della MotoGP vede al secondo posto Joan Mir con la Suzuki, seguito dalla Yamaha di Fabio Quartararo. Dopo un venerdì molto complesso, il campione del mondo della MotoGP è apparso in crescita, pur non essendo di certo un appassionato della pioggia.

Per quanto riguarda il tracciato, Portimao è uno dei più drenanti dell’intera stagione, cosa che gli consente di asciugarsi molto in fretta. Tuttavia, il cielo sta alternando momenti di scrosci intensi ad altri di quasi “asciutto”, ma come detto, la pioggia scende molto copiosamente in determinati momenti.

Nonostante una caduta, Brad Binder si è issato in quarta posizione con l’altra KTM, seguito dalla Honda di Marc Marquez. L’otto volte campione del mondo è stato protagonista di un’altra brutta caduta, ma non ci sono state gravi conseguenze, ponendosi comunque tranquillamente in Q2.

Sesto il compagno di squadra Pol Espargaró, seguito da un ottimo Marco Bezzecchi sulla Ducati del Mooney VR46 Racing Team. In ottava piazza c’è la Desmosedici del team Pramac di Johann Zarco, davanti ad Aleix Espargaró con l’Aprilia e all’unica Ducati ufficiale, quella di Jack Miller.

L’australiano è riuscito ad approdare in Q2 per pochissimi millesimi, tenendo dietro l’altra Aprilia di Maverick Vinales. Delusione per Pecco Bagnaia, che dovrà affrontare il Q1 per l’ennesima volta in stagione a causa del tredicesimo tempo, che lo ha visto concludere il turno alle spalle di Jorge Martin.

La pioggia ha scombinato i piani di molte squadre, con diversi rider che avevano il passo per qualificarsi direttamente alla fase decisiva della qualifica che non hanno potuto nulla per rientrare nella top ten. Delusione per Enea Bastianini ed Alex Rins, primo e secondo ad Austin e che hanno chiuso addirittura ventunesimo e ventiduesimo in queste libere.

MotoGP, Oliveira vola mentre Bastianini è in Q1

La MotoGP torna in azione per l’ultima sessione di prove libere sul tracciato di Portimao. Nella giornata di ieri, sono apparse molto in forma Honda e Ducati, mentre la Yamaha non è stata protagonista. Nel turno odierno la grande protagonista è la pioggia, con un asfalto bagnato e molto insidioso che esalta le qualità di Miguel Oliveira.

Il portoghese della KTM, che qui si impose nel 2020 e che in queste condizioni l’ha fatta da padrone in Indonesia, occupa la testa della classifica per lunghi tratti, davanti ad un altro esperto dell’umido, vale a dire Joan Mir. Cade purtroppo Marc Marquez, apparso velocissimo sia ieri che questa mattina prima della scivolata.

Ad una ventina di minuti dal termine anche Brad Binder, secondo nel GP del Qatar, rischia troppo e finisce per le terre, rialzandosi senza alcun problema. Non troppo negativo il passo di Fabio Quartararo, che si issa tra i primi tre nonostante le difficoltà che spesso ha incontrato in queste condizioni.

Nella parte finale del turno, il diluvio imperversa su Portimao, costringendo i rider ad alzare nettamente le loro prestazioni. A cinque minuti dal termine cade Marco Bezzecchi, che ha perso il posteriore alla prima curva a causa di una pioggia sempre più intensa. Pecco Bagnaia tenta un disperato attacco al tempo per cercare di rientrare in Q2, ma non c’è nulla da fare a causa dell’eccessivo bagnato.

Anche Jorge Martin tenta di tirarsi su in classifica, ma la pista assomiglia più ad una piscina nelle fasi conclusive. Anche Alex Rins non ha potuto nulla nel finale per cercare l’assalto ai primi dieci, con un mesto ventiduesimo tempo che lo condanna al Q1. Stesso destino per il leader del mondiale MotoGP, vale a dire Enea Bastianini.

Il rider riminese, vincitore ad Austin proprio davanti a Rins, è solo ventunesimo ed ha preceduto lo spagnolo della Suzuki, ma si tratta di una soddisfazione amara. Nel finale scivola anche Luca Marini, impossibilitato ad avvicinare i tempi dei migliori. I rider si prendono molti rischi sotto il diluvio, ma senza riuscire a migliorare. Alle 15:10 la partenza delle qualifiche.