Pol Espargarò, la previsione sul suo futuro lascia senza parole

Pol Espargarò sembra con un piede fuori dal progetto Honda, ma il pilota catalano non prevede grandi cambiamenti ai box.

Il mercato piloti inizia ad entrare nel vivo con lo sbarco del campionato del mondo a Portimao, prima tappa europea. Si prevedono molti cambiamenti ma non è da escludere che tutto o quasi resti invariato. Il cambio di marca può rivelarsi la scelta vincente per la proprio carriera, ma il più delle volte è un azzardo che si paga caro. Basti pensare ai recenti esempi di Johann Zarco che da Yamaha è passato a KTM, chiudendo il contratto dopo metà stagione.

Pol Espargaro (foto Ansa)
Pol Espargaro (foto Ansa)

Oppure il caso di Jorge Lorenzo in sella alla Honda, che ha messo fine alla sua carriera dopo una sola stagione, dove anche gli infortuni hanno avuto il loro peso sulla scelta del pentacampione maiorchino. Ed è anche il caso di Andrea Dovizioso che, dopo l’addio alla Ducati, ha atteso qualche mese prima di salire sulla Yamaha M1, una opzione che gli sta costando cara e potrebbe persino mettere fine alla sua avventura nel Motomondiale anzitempo.

Le previsioni di Pol Espargarò

Sono tanti i piloti con scadenza di contratto a fine 2022, tra questi anche Pol Espargarò che gareggia per il secondo anno in sella alla Honda RC213V del team factory. Il catalano ha preso il posto di Alex Marquez, ma nel 2021 ha collezionato soltanto un podio. La stagione 2022 è cominciata con un podio in Qatar, ma le successive tre gare si sono rivelate deludenti. Tanto che le voci di corridoio danno la Honda alla ricerca di un sostituto da affiancare a Marc Marquez dal prossimo anno.

Per Pol Espargarò potrebbero esserci poche alternative in team ufficiali qualora non andasse in porto il rinnovo con HRC. Del resto il cambio di moto può essere la parola fine per la carriera di un pilota. “Siamo arrivati ​​a un punto in questa categoria in cui ogni moto deve essere guidata in un un determinato modo”, ha detto il minore dei fratelli di Granollers a Motorsport-Total.com. “Cambiare marca è rischioso perché il livello è molto alto. Passare a una moto diversa può mettere fine a una carriera. Devi pensare bene a ciò che fai”.

Da qui a giugno potrebbe cambiare molto sullo scacchiere della classe regina, ma Pol Espargarò non la vede in questo modo: “Non credo che ci saranno tanti cambiamenti”. E non teme per la sua carriera: “Ho letto le tanti voci che circolano e i nomi. Per adesso sto bene qui, la Honda è soddisfatta di me. Attualmente sono più veloce dei nomi che ho sentito”.