Che cosa fa adesso Jorge Lorenzo? Ecco di cosa si occupa lo spagnolo

Jorge Lorenzo è uno dei più vincenti rider del Motomondiale, ma si è ritirato già da diversi anni. Ecco di cosa si occupa al giorno d’oggi.

La carriera di Jorge Lorenzo lo ha visto protagonista nel mondo del Motomondiale per tantissime stagioni, in cui ha raccolto la bellezza di cinque titoli di campione del mondo. Lo spagnolo ha appeso il casco al chiodo nel 2019, al termine di una stagione terribile con la Honda, ma dietro al suo addio si cela ancora un grande rammarico, visto che avrebbe potuto dare ancora molto al mondo delle due ruote.

Jorge Lorenzo (Ansa Foto)
Jorge Lorenzo (Ansa Foto)

Il suo debutto assoluto nel Motomondiale avvenne nel 2002 con la Derbi, in classe 125, a soli 15 anni di età. Dopo pochi anni, passò alla 250, dove agguantò due titoli consecutivi nel 2006 e nel 2007 sull’Aprilia del team Fortuna, con la quale riuscì ad esprimere tutto il suo indiscutibile talento.

Il maiorchino passò poi alla MotoGP, dove entrò dalla porta principale: ad assicurarselo fu infatti la squadra ufficiale della Yamaha, che lo affiancò ad un certo Valentino Rossi. Il rider spagnolo non impiegò molto tempo a mettere il “Dottore” in difficoltà, chiudendo in seconda posizione nel 2009 e tenendo aperto il campionato sino alla penultima gara, il Gran Premio della Malesia. Tornando all’anno precedente, la sua prima vittoria in top class arrivò al terzo appuntamento, sul tracciato dell’Estoril in Portogallo.

I tempi erano ormai maturi per l’assalto al titolo mondiale, che arrivò nel 2010 senza troppe difficoltà. La sua cavalcata fu agevolata dal terribile incidente di Valentino Rossi al Mugello, quando si infortunò gravemente a seguito di una caduta nelle prove libere. Il nove volte iridato dovette saltare molte gare, cedendo la corona iridata al compagno di squadra.

Jorge Lorenzo ha poi vinto il titolo anche nel 2012, battendo all’ultima gara il pilota di Tavullia nel 2015, anno del turbolento finale di Valencia che vide coinvolti anche i due della Honda, Marc Marquez e Dani Pedrosa. Poche soddisfazioni arrivarono nel biennio in Ducati, dove ottenne qualche vittoria di tappa prima del passaggio alla Honda, che di fatto pose fine alla sua esperienza di pilota nel Motomondiale.

Jorge Lorenzo, ecco cosa fa oggi

La vita di Jorge Lorenzo lo ha visto protagonista di tante battaglie in pista, ma dopo il ritiro avvenuto alla fine del 2019 a causa dei troppi infortuni e di un feeling con la Honda mai decollato, il maiorchino ha deciso di prendersi due anni sabbatici, prima di un ritorno in pista con le quattro ruote.

Se Valentino Rossi ha intrapreso un legame con l’Audi, con la quale ha debuttato ad Imola nel Fanatech GT World Challenge, lo spagnolo non vuole essere da meno, ed in questa stagione correrà con la Porsche nella Carrera Cup Italia, un campionato molto combattuto e dove emergere non è per nulla semplice.

Jorge Lorenzo gareggerà con il team Q8 Hi Perform, con il quale sfiderà gli assi di questa spettacolare categoria. Tra febbraio e marzo, il cinque volte campione del mondo del Motomondiale ha effettuato dei test con la nuova 911 GT3 Cup da quest’anno protagonista della Carrera Cup Italia.

L’ex campione del mondo ha voluto commentare con queste parole l’inizio della sua nuova avventura: “Inizia una nuova e stimolante fase della mia vita professionale. Mi sento molto grato verso il team Q8 Hi Perform che voglio ringraziare per avermi accolto e per avermi scelto come pilota ufficiale. Personalmente, non vedo l’ora di mettermi in gioco e dimostrare tutto il mio valore al volante“.

Il maiorchino ha concluso: “Abbiamo un team molto forte, affiatato e ambizioso. Gara dopo gara, il nostro obiettivo dovrà essere sempre quello di crescere e di vincere quante più gare possibili“. La Porsche tornerà anche a Le Mans il prossimo anno per vincere l’assoluta, e non è escluso che lo spagnolo possa far parte di quel programma se le sue prestazioni dovessero rivelarsi all’altezza della situazione.