Fabio Quartararo, l’ammissione su Marquez: cambierà tutto per lui?

Fabio Quartararo e Marc Marquez si sono sfidati nel finale di gara in Texas. Il francese della Yamaha si interroga sul futuro.

Nei giri finali del GP di Austin Fabio Quartararo si è ritrovato a dover duellare con Marc Marquez che arrivava dalle retrovie. Alla fine lo spagnolo della Honda gli ha soffiato la quinta piazza, ma il campione della Yamaha ha potuto studiare il rivale e alcune caratteristiche della Honda. Presagi futuri o meno, è stata una bella sfida che però non puntava al primo posto.

Fabio Quartararo (foto Ansa)
Fabio Quartararo (foto Ansa)

Entrambi i fuoriclasse, sebbene in circostanze diverse, hanno dovuto fare i conti con molte difficoltà nel week-end texano, ma si guarda con maggior ottimismo al prossimo round a Portimao, quando inizierà la vera stagione del Mondiale. “Dietro di lui ho potuto studiare alcune cose sulla sua moto e sul suo stile di guida”, ha detto Quartararo a Paddock-GP.com. “Purtroppo lottavamo per la sesta posizione, ma quella è stata la parte più divertente della gara”.

Quartararo lascia Yamaha in sospeso

Dopo quattro gare il pilota della Yamaha factory è 5° in classifica iridata a quota 44 punti, 17 lunghezze di distacco dalla vetta. Ma i tracciati di Losail, Termas e Austin non erano molto favorevoli alla M1 a causa dei lunghi rettilinei, dove la moto di Iwata perde non poco rispetto alle rivali. Già dopo le qualifiche sapeva che lo avrebbe atteso una gara difficile, da giocare in difesa. “E’ difficile scendere in pista sapendo che non puoi lottare per la vittoria e sai il motivo per cui non puoi lottare per la vittoria. Siamo entrati in gara con quello che avevamo e ho dato il massimo dall’inizio alla fine”.

Portimao e Jerez sono i prossimi appuntamenti in calendario e la Yamaha potrebbe ritornare a dire la sua in un campionato fortemente incerto e dove le distanze sono molto ravvicinate. “Ora dovremo stare molto attenti a non perdere altre occasioni e cercare di fare il maggior numero di punti dove sappiamo che sarà molto importante”, ha aggiunto Fabio Quartararo. L’ottimismo non dovrà certo mancare in un ambiente già sotto pressione, dove sin dallo scorso inverno si lamentavano dei problemi. Le quattro vittorie Ducati nelle ultime sei gare erano un primo campanello d’allarme che il francese aveva già percepito.

L’obiettivo è provare a blindare il titolo iridato pur sapendo di avere una moto con cui è difficile superare sui rettilinei. “Per il momento l’obiettivo è fare il meglio che possiamo. Sappiamo benissimo che ci manca la velocità, ma penso che nell’ultima gara sono riuscito a togliermela dalla testa nei primi giri”. Per il futuro ci sarà il tempo di riflettere da qui a giugno. “Sinceramente penso solo al presente. So benissimo di avere il mio agente che si prende cura del mio futuro molto e penso solo a fare del mio meglio in questa stagione”.