Binotto frena l’entusiasmo Ferrari: la strada verso il Mondiale è lunga

Mattia Binotto ha commentato quanto accaduto in quel di Melbourne, dove Leclerc ha dominato e Sainz è stato costretto al ritiro.

Il Gran Premio d’Australia ha descritto uno scenario da sogno per la Ferrari e per Mattia Binotto. Una squadra che appariva al capolinea, proveniente da due stagioni disarmanti per quanto fossero state negative, si ritrova saldamente al comando delle due classifiche mondiali.

Binotto (ANSA)
Binotto (ANSA)

Charles Leclerc ha dominato sia in Bahrain che in Australia, ed in Arabia Saudita aveva dovuto cedere alla Red Bull di Max Verstappen solo per una sfortunata Virtual Safety Car, altrimenti staremo qui a parlare di una tripletta. L’entusiasmo a fine gara del monegasco, che ha detto che la F1-75 è una bestia, fa sognare i tifosi alla vigilia di Imola.

I giusti meriti vanno dati a Binotto, che dopo aver ricevuto tante critiche è riuscito a guidare un progetto sensazionale, che sta demolendo la concorrenza con una forza che mancava dai tempi migliori di Michael Schumacher. Ora, da Imola in poi, inizierà un altro mondiale, quello dominato dagli sviluppi ed in cui non si potrà sbagliare nulla per continuare a dominare la scena.

Ferrari, Binotto entusiasta per il successo di Leclerc

Mattia Binotto è apparso molto sorridente e soddisfatto per la strepitosa prova di forza di Charles Leclerc, ma ha voluto incoraggiare anche Carlos Sainz che è stato costretto al primo ritiro da quando è arrivato in Ferrari. Il team principal del Cavallino ha raccontato le proprie sensazioni a “SKY Sport F1“, restando concentrato sull’obiettivo ma non nascondendo la propria gioia.

“Questo inizio di stagione dimostra quanto la macchina, la squadra ed i piloti si stiano dimostrando competitivi. La differenza sugli altri? Noi pensiamo a noi stessi, approcciamo ogni gara cercando di fare del nostro meglio. Per vincere bisogna essere perfetti, vedere la macchina girare bene in condizioni difficili come quelle dell’Australia è una grande soddisfazione.

Binotto è stato poi interpellato relativamente al ritiro di Sainz, augurandosi che lo spagnolo possa tornare subito lì davanti sin dalla prossima gara: “Sainz? Bisogna essere perfetti per i risultati giusti, ha avuto circostanze molto sfortunate in qualifica, si è innervosito ed è partito molto indietro. Con le gomme Dure ha fatto fatica nelle prime fasi ed ha commesso poi un errore che ha pagato caro. Conosco Carlos e prenderà una bella lezione da questo errore, tornando ancor più forte e convinto dei propri mezzi per Imola“.

Il gran vantaggio in classifica? Siamo molto felici, ma sappiamo che è solo l’inizio, ma ripeto che è davvero tanta roba come abbiamo approcciato a questo campionato. Il merito è di tutto il gruppo e non di una singola persona, siamo rimasti uniti alzando l’asticella ed il frutto del lavoro si vede“.

Non vediamo l’ora di arrivare ad Imola in questo momento di forma, abbiamo la speranza che sia tutto pieno e vogliamo festeggiare con loro questo momento, affronteremo la gara pensando di voler dare il massimo. Imola è sempre stato un sogno con il prato della Rivazza, tra due settimane saremo lì“.

Ora ci godiamo Pasqua, con del riposo per il team dopo delle lunghe trasferte, meritano di festeggiare con i propri cari dopo questo inizio di campionato. L’affidabilità della Red Bull? Ross Brawn diceva sempre che per vincere devi arrivare al traguardo, quindi noi dobbiamo esserci sempre, ma non sarà sempre così quindi godiamoci quanto accaduto oggi“.

Mattia ha poi commentato quelli che potrebbero essere i primi giochi di squadra nelle prossime gare, sottolineando che i piloti verranno considerati alla pari, a patto che Sainz possa ritrovare subito la giusta concentrazione: “La prima guida? Non sono problemi che ci stiamo ponendo, Sainz va molto forte e stava guidando bene in questo fine settimana, io spero di vedere Carlos molto competitivo già dalle prossime gare“.