La Honda si aggrappa a Pol Espargaró: ecco l’errore commesso

Il pilota spagnolo, Pol Espargaró, si dovrà far carico della squadra giapponese, in assenza di Marc Marquez. Le qualifiche non sono state perfette, ma lo spagnolo ha buone chance dalla quarta posizione.

A strappare applausi in Argentina è stato Aleix Espargaró, fratello di Pol, in sella all’Aprilia. Per la casa italiana si è trattata della prima pole position nella storia della MotoGP. Un weekend pazzo, compresso in sole due giornate, che ha visto i piloti lottare con il coltello tra i denti per ottenere un buon piazzamento in vista dello start del terzo appuntamento stagionale.

Pol Espargaró (Ansa Foto)
Pol Espargaró (Ansa Foto)

Pol Espargaró sarà sicuramente stato felice per suo fratello, ma la Honda ha osservato, in prima fila, due Ducati di team non ufficiali e una Aprilia. E’ un campionato imprevedibile. Ogni fine settimana cambiano i protagonisti al vertice, ma nel box della casa giapponese c’è apprensione per le condizioni del suo migliore pilota. Marc Marquez ha vinto tre delle sei edizioni disputate sul tracciato argentino. E’ uno dei circuiti in cui ha sempre fatto la differenza, ma la caduta nel warm up di Mandalika lo ha estromesso dai giochi.

L’ennesimo episodio di diplopia è emerso e ora tocca a Pol Espargaró, farsi carico delle responsabilità dell’intero team. Stefan Bradl, sostituto del Cabroncito, non può certo fare miracoli. Non è la prima volta che il tedesco ha preso il posto dello spagnolo, ma la moto è stata, completamente, stravolta dai tecnici in inverno. Il campione del mondo della Moto2 del 2011 partirà ultimo, in ventiquattresima posizione. Le speranze della Honda sono riposte in Pol Espargaró che scatterà dalla seconda fila.

L’amarezza di Pol Espargaró

Lo spagnolo, nel primo appuntamento stagionale in Qatar, ha fatto la voce grossa, sfiorando la vittoria. Alla fine l’ha spuntata Enea Bastianini che ha indotto Pol ad un errore in frenata. Il lungo in curva 1 è costato al #44 anche la seconda piazza, preceduto da Brad Binder su KTM. In Indonesia è arrivato, invece, dodicesimo. Lo spagnolo ha confessato che Marc Marquez è fondamentale per lui, anche per fissare i limiti ed indirizzare gli sviluppi della moto.

Pol Espargaró, in ogni caso, ha iniziato con determinazione il weekend in Argentina. Dopo il terzo posto nella prima sessione di libere, il pilota è poi incappato in una sfortunata caduta nelle PL2. In qualifica ha sfiorato la prima fila, finendo alle spalle di Luca Marini del team VR46 di appena 46 millesimi. Il pilota proverà a partire a fionda e rimanere nel gruppetto di testa, per poi far valere una maggiore esperienza rispetto ai centauri che lo precedono.

Il pilota della Honda, dopo le qualifiche, ha dichiarato: “E’ stata una giornata stressante sul piano mentale. Sono caduto, sono passato dalla Q1 alla Q2, e mi sono poi trovato in lotta per la prima fila. Già questa mattina era destinata ad essere una giornata impegnativa, ma la mia squadra ha lavorato davvero duramente. All’ultimo momento abbiamo trovato il set-up per le qualifiche, ed è stato un peccato che abbiamo avuto solo una mescola per la Q2, ma siamo stati ancora in grado di fare un buon giro per il quarto posto”.

Pol Espargaró si è rammaricato di una piccola sbavatura nel giro decisivo. “Ho commesso un errore alla curva 1 che credo ci sia costata la prima fila. La pista è cambiata molto nel corso della giornata, quindi abbiamo dovuto adattarci molto e siamo stati più forti. Il Warm Up sarà importante per vedere dove siamo, ci saranno molti rivali domani, ma siamo pronti a lottare”, ha chiosato lo spagnolo.