Quanti trofei ha vinto la Ferrari? Avversari annichiliti dal dato

Lo storico marchio fondato da Enzo Ferrari è l’unico ad aver preso parte a tutti i campionati di Formula 1. Ecco tutti i successi del Cavallino Rampante.

Dal 1950 ad oggi la Scuderia Ferrari non ha mai mancato una stagione di F1. L’unica squadra a potersi fregiare di una tale costanza è solo quella italiana. Per questo motivo in molti ritengono che senza la Rossa protagonista in pista non sarebbe più F1. Oltre al numero più alto di partecipazioni, il team ha scritto pagine indelebili della categoria regina del Motorsport, risultando il più vittorioso di sempre.

Scuderia Ferrari (Adobe Stock)
Scuderia Ferrari (Adobe Stock)

Il 2022 è iniziato con i migliori auspici. La F1-75 è una vettura nata bene, frutto di un lavoro meticoloso dei tecnici di Maranello, iniziato da tempo. La Rossa ha vinto all’esordio con un hat trick di Charles Leclerc che ha mandato in visibilio i tifosi. Pole, vittoria e giro più veloce in Bahrain, in aggiunta ad un secondo posto di Carlos Sainz che ha completato una doppietta da sogno. La Ferrari, dopo due Gran Premi, comanda in classifica costruttori a 78 punti (sugli 88 disponibili) con un vantaggio di 40 lunghezze sulla Mercedes e 41 sulla Red Bull Racing.

Un inizio da sogno che lascia presagire un campionato di alto profilo, seguendo il percorso tracciato da Mattia Binotto. La Rossa ha sfatato un tabù, dato che la squadra non saliva sul gradino più alto del podio dal 22 settembre 2019. Quasi due anni e mezzo dopo il successo di Sebastian Vettel a Singapore, Leclerc ha celebrato la sua terza vittoria in carriera. Sainz ha spiegato che la posizione della Ferrari dovrebbe essere sempre questa, in lizza per podi e vittorie. I piloti hanno ottenuto la loro prima doppietta, aggiornando il dato a 84 doppiette assolute.

I traguardi storici della Scuderia Ferrari

La squadra corse di Maranello può vantare 16 titoli mondiali costruttori e 15 piloti. L’ultimo successo costruttori è datato 2008 quando Felipe Massa e Kimi Raikkonen celebrarono il titolo. Il brasiliano sfiorò l’impresa in classifica piloti, finendo alle spalle di Hamilton di un solo punto. L’ultimo campione del mondo della storia di Maranello è Kimi Raikkonen che, nel 2007, beffò i driver della McLaren Mercedes Lewis Hamilton e Fernando Alonso.

I primi successi in F1 iniziarono con il trionfo José Froilán González nel GP di Gran Bretagna nella stagione 1951, cui si sommano altre due vittorie a opera di Alberto Ascari. Da allora la Rossa ha messo a referto 230 primi posti in F1, 778 podi e 230 pole position. Va ricordato che, ufficialmente, il primo campionato del mondo Formula 1 fu indetto nel 1950, ma la Rossa era protagonista in pista anche prima di quella data. Il mondiale fu battezzato da un italiano: Nino Farina, su Alfa Romeo, primo storico vincitore del titolo mondiale.

Sempre al volante dell’Alfa Juan Manuel Fangio festeggiò il mondiale del 1951. Il Drake Enzo Ferrari dovette aspettare il 1952 per celebrare il primo successo iridato, giunto grazie al fenomenale Alberto Ascari. L’italiano si confermò anche nella stagione successiva. Gli altri successi in classifica piloti arrivarono nel 1956 con Fangio, nel 1958 con Mike Hawthorn, nel 1961 con Phil Hill, nel 1964 con John Surtees (unico campione del mondo con le moto e con le auto di F1 della storia), nel 1975 con Niki Lauda, nel 1977 ancora con l’austriaco, nel 1979 con Jody Scheckter, dal 2000, 2001, 2002, 2003, 2004 con il Kaiser Schumacher e nel 2007 con Kimi.

I traguardi in F1 e nelle altre categorie

Il primo titolo costruttori della storia del Cavallino è giunto nel 1961. I successivi si sono celebrati nel 1964, 1975, 1976, 1977, 1979, 1982, 1983, 1999, 2000, 2001, 2002, 2003, 2004, 2007 e 2008. I traguardi del marchio italiano non si limitano solo alla F1, la Ferrari ha scritto pagine importanti anche in altre categorie del Motorsport. La Ferrari ha conseguito 12 campionati del mondo sportprototipi. La Rossa, inoltre, ha vinto nove volte la 24 Ore di Le Mans, con l’ultimo trionfo datato 1965 con la 250 LM gestita dal North American Racing Team.

La squadra AF Corse, in forma semiufficiale, è stata capace di mettere in bacheca sei titoli costruttori e quattro campionati piloti nel WEC, oltre a quattro vittorie di classe alla 24 Ore di Le Mans. Dal prossimo anno la Ferrari tornerà a gareggiare in forma ufficiale nella categoria LMH del mondiale endurance, inseguendo il sogno della 24 Ore di Le Mans.

La Ferrari, infine, ha iscritto il suo nome nell’albo d’oro anche nelle super classiche della 24 Ore di Daytona, 12 Ore di Sebring, 24 Ore di Spa, 12 Ore di Bathurst, Intercontinental Le Mans Cup, Carrera Panamericana, Petit Le Mans, FIA GT Championship, GT World Challenge Europe Endurance Cup, DTM, ALMS, IMSA SportsCar Championship, NAEC, Grand-Am Rolex Sportscar Series, IMSA GT Championship, Targa Florio e Mille Miglia.