F1, Lewis Hamilton promette battaglia: parole incredibili per la Ferrari

Il pilota della Mercedes, Lewis Hamilton, ha tracciato un primo bilancio di questa fase iniziale della stagione. Il campione ha parlato del problemi della W13.

Lewis Hamilton non vede l’ora di salire in macchina per macinare altri chilometri sulla sua W13. La speranza del campione della Mercedes è che i problemi palesati in Bahrain possano aver trovato una soluzione per sprigionare il reale potenziale della Mercedes. Il fortunoso terzo posto di sette giorni fa è una buona notizia per la classifica, ma al momento il team teutonico appare la terza forza.

Lewis Hamilton (Ansa Foto)
Lewis Hamilton (Ansa Foto)

Hamilton, in conferenza stampa, ha annunciato: “E’ un piacere rivedervi tutti qui. E’ stato fatto un grandissimo lavoro negli ultimi tre giorni e sono molto fiero del mio team perché ha tenuto la testa giù e con tutta la concentrazione sta cercando di esaminare la pazzesca quantità di dati prodotti ogni volta che montiamo in macchina. Stiamo cercando di capire quali problemi abbiamo, ne siamo consapevoli. Stiamo lavorando per cercare di trovare soluzioni e per non perdere più prestazione e, alla fine, guadagnarne in modo da poter tornare. Tre giorni, però, sono un periodo molto breve quindi non ci potrà essere una differenza enorme a questo punto, come ho detto lo scorso weekend è stato bellissimo rivedere la Ferrari davanti dopo un paio di anni difficili”.

Le caratteristiche sono molto diverse a Jeddah rispetto al GP del Bahrain, e questo aspetto riempie di ottimista il sette volte campione del mondo. La pista è velocissima e presenta un asfalto differente che crea un comportato diverso delle mescole. Lewis ha sottolineato che i lunghi rettilinei potrebbero portare a dei problemi di saltellamenti. Se ve ne saranno la W13 potrebbe risentirne, come accaduto domenica scorsa in Bahrain.

Le preoccupazioni di Lewis Hamilton

Non so se tutti hanno lo stesso problema di saltellamento però è un qualcosa che alla fine sta al lavoro degli aerodinamici, di ingegneri che non avevano affrontato il problema in precedenza. E’ qualcosa di nuovo per tutti ed è sempre entusiasmante quando c’è qualcosa di nuovo, però quando diventa continuativo e non trovi il modo di risolverlo non è sicuramente la situazione migliore. Sono sicuro che andremo a fondo del problema, alcuni ci sono già riusciti.

Il riferimento implicito del campione inglese è diretto alla Ferrari che in Bahrain ha dominato la scena. Lewis ha assicurato che la Mercedes si sta impegnando per risolvere quanto prima la questione, sebbene il lasso di tempo tra una gara e l’altra è molto breve. Nelle gare notturne il pilota anglocaraibico ha ottenuto ottimi risultati in carriera. Il nativo di Stevenage ritiene che non ci sia una differenza enorme, ma le temperature la sera sono diverse. Le gomme faticano a durare in piste più calde, ma Hamilton ritiene fortuita la statistica.

Lo scorso anno il sette volte campione del mondo ha vinto il GP inaugurale di Jeddah, riaprendo la contesa mondiale con Max Verstappen. Nel 2021 la gara in Arabia Saudita era la penultima del calendario e ha regalato emozioni e anche molte polemiche a causa delle decisioni prese da Michael Masi. La Red Bull Racing proverà a riscattarsi dopo lo zero in classifica della prima gara e insieme alla Mercedes andranno a caccia delle Ferrari. La F1-75 è il vero punto di riferimento, sia sul piano telaistico che motoristico. Non perdetevi neanche una sessione, la sfida è appena cominciata.