Incidente Marquez, Espargarò racconta: brividi per i tifosi

Aleix Espargarò racconta quanto ha visto nel warm-up di domenica a Mandalika, quando Marc Marquez è caduto alla curva 7.

L’incidente di Marc Marquez durante il warm-up di Mandalika è apparso subito grave. Il pilota della Repsol Honda stava viaggiando a 180 km/h quando la sua gomma posteriore ha perso aderenza ed ha rimediato un violento highside che lo proiettato verso l’alto prima di scaraventarlo al suolo con forza, sbattendo la testa sull’asfalto. Il campione si è rialzato sulle sue gambe anche se era evidentemente barcollante.

Aleix Espargaro parla di Marquez (foto Ansa)
Aleix Espargaro (foto Ansa)

Durante la sessione di domenica mattina alle sue spalle arrivava Aleix Espargarò che ha visto da vicino quanto accaduto. Ai microfoni di Dazn ha raccontato lo spavento per l’incidente e di aver temuto per l’incolumità del connazionale della Honda. “Mi sono davvero spaventato per la caduta di Marc. Quando l’ho visto a terra ho tagliato il gas perché l’ho visto a terra come una bambola”. Fortunatamente non ha riportato fratture e dopo il trasferimento al centro medico e in ospedale sono state escluse conseguenze cerebrali. Ma Marquez è stato considerato unfit dopo il trauma cranico e non ha potuto partecipare alla gara di Mandalika.

Espargarò spaventato per Marquez

Quando Aleix Espargarò è rientrato ai box dopo il warm-up non ha nascosto il suo timore per quanto accaduto alla curva 7. “Sono felice perché non si è fatto nulla di grave, a quanto pare. Però ero davvero spaventato, ero a due secondi dietro di lui e l’ho visto volare”. Nello stesso tratto di circuito il pilota Aprilia aveva rischiato una caduta sabato mattina e una nelle qualifiche. Visto ciò ha pensato di chiedere delle modifiche agli uomini del suo box, per meglio adattarsi alla nuova carcassa posteriore. “Ho messo una molla super rigida al freno posteriore, perchè era molto facile fare un highside”.

Il timore era nell’aria e il maggiore dei fratelli Espargarò ha subito compreso che quel punto di tracciato poteva costare caro. “Per questo ho deciso di modificare la molla del freno posteriore. Sono contento che Marc non si sia fatto nulla perché è stata davvero una brutta caduta”.

Ma al ritorno in Spagna il fuoriclasse della Honda ha registrato un ritorno della diplopia a distanza di cinque mesi dall’ultimo incidente in allenamento. L’infortunio potrebbe costare davvero caro all’otto volte campione iridato. Sicuramente salterà la prossima gara in Argentina, fra una settimana si sottoporrà ad un’altra visita per provare a stabilire quando sarà possibile un ritorno in sella alla sua RC213V.