Sainz accende la sfida a Leclerc: incredibile quello che ha fatto

Carlos Sainz si porta a casa un buon terzo posto dopo le qualifiche di Sakhir. Lo spagnolo si è avvicinato molto a Leclerc dopo le libere.

Per la Ferrari è stato il giorno del riscatto, quello tanto atteso dai tifosi che hanno sofferto per tanti anni. La F1-75 era nata sotto i migliori auspici, nella consapevolezza che sarebbe dovuta essere l’arma per la rinascita, e le prime qualifiche dell’anno lo sono state in pieno. Charles Leclerc ha siglato la pole position girando in 1’30”558, tenendosi dietro Max Verstappen e Carlos Sainz.

Sainz (ANSA)
Sainz (ANSA)

Lo spagnolo si è fermato ad appena 6 millesimi dalla Red Bull del campione del mondo, girando in 1’30”687. La prestazione del figlio del due volte iridato dei rally è comunque ottima, considerando il grande gap che si era visto rifilare dal compagno di squadra nella giornata di ieri.

Sainz ha confermato di essere un grande lavoratore, uno che studia molto i dati per cercare di capire dove sono le sue lacune. La terza piazza di oggi è lì a confermarlo, ma è tutta la squadra del Cavallino a far sognare i tifosi. Dopo i test invernali, tutti erano pronti a scommettere su un Verstappen nettamente favorito, con la Rossa a giocarsi il ruolo dell’antagonista assieme alla Mercedes.

Le frecce d’argento si sono sciolte come neve al sole, con Lewis Hamilton quinto e George Russell addirittura nono, complice un errore fatto alla prima staccata nel suo giro decisivo. A far gioire la Ferrari sono anche le prestazioni dell’Alfa Romeo Racing e della Haas, che lo scorso anno a fatica superavano il Q1: Valtteri Bottas è settimo, subito dietro all’ex compagno di squadra e davanti, oltre che a Kevin Magnussen, anche a colui che ne ha preso il posto al team di Brackley.

La power unit Ferrari ha dimostrato una solidità spaventosa, mentre quella Mercedes è in grave ritardo: in Q1 sono stati eliminati quattro piloti che montano l’unità propulsiva di Brixworth, e questa è una pessima notizia dal momento che sui motori si potrà intervenire solo per motivi di affidabilità in futuro.

Sainz, soddisfazione e rammarico dopo le qualifiche

Carlos Sainz ha raddrizzato un week-end che sembrava volerlo vedere nettamente dietro a Charles Leclerc dopo le libere del venerdì, ma nelle sue parole c’è un filo di rammarico. Lo spagnolo aveva fatto segnare il miglior tempo nel primo tentativo della Q3, non riuscendo però a migliorarsi nel finale.

Dopo la fine delle qualifiche, Carlitos ha raccontato le sue sensazioni alla stampa, dimostrandosi molto maturo e concentrato per la gara di domani: “Charles ha fatto qualcosa in più rispetto a me nel momento decisivio, riuscendo ad estrarre più potenziale dalla macchina rispetto a quanto ho fatto io. Tuttavia, sono molto contento dei progressi che ho fatto nel corso del fine settimana. Ero molto lontano, avevo sofferto a capire come guidare la macchina“.

Ero arrivato a star dietro di lui anche di oltre mezzo secondo, quindi riuscire ad essere in lotta per la pole è stata una bella notizia per me. Mi è mancato davvero poco, dovevo tirare fuori quell’ultimo decimo, ma alla fine è andata bene così. Charles è stato davanti per tutto il fine settimana e si merita la pole. Il team ha fatto un grandissimo lavoro“.

Sainz è comunque convinto di non aver ancora compreso al 100% la vettura, cosa che a Leclerc è riuscita sin da subito. La prestazione dei signori in rosso resta eccellente, ed in vista di domani le notizie che vengono dal Bahrain ci parlano di una monoposto molto ben nata. La conferma definitiva dovrà arrivare dal risultato di domani, che dovrà per forza di cose vedere il Cavallino in lotta per la vittoria. Come non accade da troppo tempo.