F1, Max Verstappen delusione totale: è imbufalito a fine gara

Il pilota della Red Bull Racing, Max Verstappen, ha terminato con uno zero nel primo appuntamento della stagione. L’olandese si è dovuto ritirare a tre giri dalla conclusione per un problema tecnico.

Una gara tutta all’attacco, conclusa con una delusione cocente. Max Verstappen ha provato a fare la differenza con una partenza a fionda, ma Charles Leclerc si è subito tenuto stretto la prima posizione in curva 1. Nel corso della gara Max ha fatto tre soste nel tentativo di avere la meglio sul monegasco. I due piloti si sono dati battaglia con il coltello tra i denti per tutto il Gran Premio.

Max Verstappen (LaPresse)
Max Verstappen (LaPresse)

Uno dei momenti chiave della corsa è avvenuto al quindicesimo giro con l’undercut della Red Bull Racing. Max è rientrato ai box, precedendo la mossa di Leclerc e la strategia ha funzionato con il campione del mondo che ha avuto la chance di superare il pilota della Ferrari in curva 1, grazie al DRS. I due si sono scambiati la posizione per tre giri consecutivi, finché Max è uscito dalla zona DRS. Leclerc ha approfittato anche di un lungo del figlio d’arte di Jos.

Nella successiva sosta i due si sono riavvicinati con la medesima strategia della Red Bull Racing, ma poi Max ha visto scappare via CL16. Il primo colpo di scena è arrivato con l’incendio dell’AlphaTauri di Pierre Gasly che ha riaperto la contesa negli ultimi sette giri del Gran Premio del Bahrain. Leclerc, alla ripartenza, ha tenuto la leadership della corsa. Carlos Sainz ha provato a superare il campione del mondo subito, all’uscita della SC, ma l’olandese si è difeso al massimo, considerate anche le difficoltà con lo sterzo.

F1, Max Verstappen parte male il Mondiale

Il pilota della Red Bull Racing ha provato a tenersi stretta la seconda posizione per iniziare come lo scorso anno. A fare la voce grossa stavolta è stata la Ferrari, al posto della Mercedes. Charles Leclerc ha vinto con merito e Carlos Sainz è riuscito a superare la Red Bull Racing di Max Verstappen, approfittando di un improvviso guaio tecnico alla RB18. Il campione del mondo, a tre giri dalla conclusione, è stato costretto ad alzare bandiera bianca. Stessa fine anche per Sergio Perez ad una sola tornata dalla conclusione della gara.

Lewis Hamilton ha chiuso terzo, le frecce d’argento sono state in difficoltà, dimostrandosi più che altro terza forza ma a distanza siderale. A sorridere sono i piloti della Rossa, mentre la Red Bull Racing ha chiuso la prima gara con zero punti. Un tonfo pesante in ottica mondiale perché Max appare il primo competitor in vista di una lotta lunghissima con la scuderia italiana. La doppietta della Rossa è importantissima in ottica costruttori. Leclerc ha fatto il giro veloce e nei pit stop la corazzata Red Bull Racing è sembrata non infallibile come lo scorso anno. I meccanici della Rossa hanno fatto un lavoro super.

Max Verstappen, molto deluso per il risultato finale, ha dichiarato: “Sono deluso, nello scenario peggiore avremmo potuto chiudere al secondo posto che sarebbe stato un buon risultato, però ci sono sempre stati problemi crescenti. Quando vedi due macchine che si ritirano a fine gara è davvero negativo, però in campionato la cosa importante è fare punti anche quando hai un weekend negativo e perdere così tanti punti in un fine settimane solo è estremamente doloroso”.

Max Verstappen non sa ancora se i suoi problemi e quelli dell’auto di Checo sono collegati. I tecnici dovranno lavorare molto e analizzare i dati per capire cosa è successo. L’olandese ha sottolineato più volte che questo ritiro è estremamente doloroso per come è sopraggiunto. Il figlio d’arte di Jos proverà a riscattarsi, tra sette giorni, nel prossimo appuntamento di Jeddah.