Aleix Espargarò contraddice il giornalista: parole di fuoco

Dopo il 4° posto a Losail Aleix Espargarò si dice soddisfatto della sua prestazione, ma non condivide l’opinione del giornalista.

Aleix Espargarò è stato autore di una gara strepitosa in Qatar conclusa al 4° posto in sella alla sua Aprilia RS-GP. Le buone sensazioni registrate nei test invernali sono state confermate nel primo Gran Premio, la moto di Noale ha guadagnato in termini di potenza massima, riuscendo a superare sia la Suzuki di Joan Mir che la Honda di Marc Marquez. Solo 2,2 i secondi che lo separano dal vincitore della Ducati Enea Bastianini, 9 i decimi dal podio.

Pol Espargaro (foto Ansa)
Pol Espargaro (foto Ansa)

13 punti preziosi per la classifica, al termine della gara domenicale ha riassunto la giornata davanti ai media: “Non sono deluso, ma non nego che avrei voluto il podio – ha ammesso Aleix Espargarò -. Per la prima volta mi sono sentito il più forte in termini di ritmo, ma forse sono stato troppo prudente quando ero dietro a Mir e Marquez, ho perso un secondo con l’uno e un altro secondo con l’altro. Ma l’importante era essere veloci, ho fatto molti giri in 1’54” ed è incredibile”.

Aleix Espargarò buon avvio in MotoGP

La sorpresa più gradita è essere riusciti a superare la Suzuki di Joan Mir sul rettilineo, che conferma i progressi condotti dalla Casa di Noale durante l’inverno sulla potenza massima del motore quattro cilindri in linea. Penso di essere stato uno dei più veloci in pista”, ha aggiunto un entusiasta Aleix Espargarò. Poi abbiamo sorpassato Marc e gli ho dato un secondo in un giro… Non possiamo che essere soddisfatti, il podio purtroppo è sfuggito per delle circostanze di gara, ma eravamo veloci”.

In un intervento a DAZN il giornalista Emilio Perez de Rozas ha detto che Marc Marquez resta senza paragoni se comincerà il campionato senza problemi fisici. Una tesi che non viene sposata dal pilota di Granollers: “Le dichiarazioni mi hanno un po’ infastidito, diceva che non c’è competizione nel campionato e che il #93 fosse di gran lunga superiore. Ma ha vinto Bastianini con una Ducati, KTM è seconda, mio fratello terzo con la Honda, io quarto con la Aprilia… c’è un livello di competizione incredibile e sarà un Mondiale davvero interessante”.

Da parte sua Aleix è pienamente felice per la prestazione offerta e per le sensazioni con la moto 2022. “Penso di aver fatto il giro più veloce per due volte di seguito, questo mi fa cominciare in maniera positiva. Non sono per niente amareggiato, a volte sei amareggiato per aver perso il podio, ma stavolta non è uno di quei giorni”.