Michael Schumacher, una sua Ferrari è in vendita: la cifra è pazzesca

La vettura guidata da Michael Schumacher nel campionato di F1 1998, nel trionfo ungherese, è in vendita ad un prezzo esorbitante.

Una delle Ferrari più iconiche della carriera di Michael Schumacher è in vendita ad un prezzo record. Il campione tedesco ha vinto sette titoli mondiali nella sua carriera di cui cinque alla Ferrari. Il quinquennio aureo sarà ricordato come il periodo di maggiore sfarzo e successo del team italiano, riuscendo a dominare la scena con il barone rosso.

Michael Schumacher (Ansa Foto)
Michael Schumacher (Ansa Foto)

La Ferrari riuscì a conquistare titoli in successione dal 1999 al 2004. I sei campionati costruttori consecutivi coincisero anche con la cavalcata di Michael. Anche quando il campione non si è aggiudicato il mondiale, è riuscito a lottare per la conquista del titolo in diverse occasioni come nel 2006, suo ultimo anno in Ferrari, nel 1997 e ‘98 dove fu battuto rispettivamente da Jacques Villeneuve e Mika Hakkinen.

Nel 1998 il finlandese vinse il campionato in un duello finale non per deboli di cuore nel Gran Premio di Giappone. Il ritiro nell’appuntamento finale costò a Michael il titolo, ma nelle gare precedenti il Kaiser aveva dimostrato di meritarsi la conquista della corona iridata con vittorie sensazionali. Una gara in particolare segnò uno dei principali trionfi di quella annata. Ci riferiamo al Gran Premio di Ungheria.

Il prezzo della Rossa di Michael Schumacher

L’auto in vendita è esattamente quella utilizzata dal campione del mondo durante la gara ungherese. La vittoria di Schumacher venne ricordata anche per una delle più grandi strategie di Ross Brawn che grazie al talento cristallino della tedesco riuscì in una tattica molto aggressiva. La McLaren quella domenica sembrava capace di dominare la gara con Hakkinen, che aveva conquistato la pole position al fianco del suo compagno di squadra David Coulthard.

Schumacher rimase per lunghi tratti bloccato dietro a Jacques Villeneuve e allo scozzese della McLaren che riuscì a proteggere quanto più possibile il suo teammate. Per vincere quella corsa Ross Brawn ebbe una intuizione audace, ma geniale che motivò ulteriormente Michael Schumacher. Via radio Brawn chiese a Schumi 19 giri di qualifica per sperare di prendere la testa della corsa. Il tedesco ascoltò e rispose semplicemente: “Va bene. Grazie!“.

Un problema ad Hakkinen spianò la strada verso una clamorosa vittoria del barone rosso. Grazie a 19 giri record il ferrarista si assicurò 9 secondi su David Coulthard e su Jacques Villeneuve. Schumacher in carriera ha vinto 91 gare ma descrisse il successo di Budapest del ‘98 come uno dei più palpitanti. Il tedesco dichiarò: “E’ stata una delle mie vittorie più emozionanti. La squadra aveva la strategia giusta, anche se all’inizio non ero sicuro che avrebbe funzionato, dato che sono rimasto bloccato dietro a Jacques Villeneuve e David Coulthard per un po’ di tempo. Alla fine è stata la decisione giusta. Certo, abbiamo beneficiato dei problemi degli avversari, anche se per tutta la gara sono riuscito a tenere facilmente il passo con le McLaren“.

Il ferrarista spinse così tanto da non rendersi subito conto di essere balzato in testa alla corsa. La F300 del campione è in vendita per 4,9 milioni di dollari (4,4 milioni di euro al cambio attuale). Un cimelio costosissimo ma che grazie al trionfo all’Hungaroring di Michael scrisse una pagina di storia del Cavallino.

Ferrari F300 (Ansa Foto)
Ferrari F300 (Ansa Foto)