Iannone in pista con l’Aprilia RSV4: lancia messaggio sul futuro (VIDEO)

Iannone ha un’idea chiara sul suo futuro: il mondo delle moto è ancora una priorità, la squalifica non lo scoraggia.

La squalifica per doping è stato un colpo durissimo per Andrea Iannone e la sua carriera. La sentenza del TAS di Losanna che lo costringe a non poter gareggiare fino a dicembre 2023 ha chiuso la sua esperienza in MotoGP.

Iannone Andrea
Andrea Iannone (Ansa Foto)

Nel 2024 compirà 35 anni ed è impensabile che possa tornare a correre nella top class del Motomondiale. Rimanere fuori per tanto tempo e non essere più giovanissimi sono fattori che rendono impossibile rientrare in griglia ed essere competitivi in un campionati di così alto livello.

Tuttavia, il pilota abruzzese ha già fatto sapere che sogna di tornare a disputare gare. Bisognerà vedere in quale categoria lo farà. È scontato pensare che ci sia qualcuno disposto a dargli un’occasione. Lui ha grande voglia di risalire in sella per gareggiare e si sta tenendo allenato nel frattempo.

Andrea Iannone con l’Aprilia RSV4 a Vallelunga

Iannone non molla. È convinto di aver subito un’ingiustizia e per questo è determinato a tornare nel mondo delle corse appena la squalifica per doping terminerà. Anche se l’età non sarà più giovanissima, può comunque pensare di correre a livelli più bassi rispetto a quelli della MotoGP.

Il pilota di Vasto continua ad allenarsi con impegno sia fisicamente che in pista. Infatti, non manca di salire in moto e girare per non perdere troppo feeling in sella. Di recente ha girato sul circuito di Vallelunga con l’Aprilia RSV4.

Iannone ha testimoniato tutto con foto e video sul suo profilo ufficiale Instagram, spesso aggiornato. Il filmato pubblicato è anche accompagnato da un messaggio importante: “Non vedo l’ora di tornare“. La conferma che la squalifica per doping lo ha piegato, ma non spezzato. Pensa seriamente di tornare alle gare.

Aprilia gli è sempre stata vicino e potrebbe essere proprio la casa di Noale ad accompagnarlo nel rientro quando verrà il momento. Massimo Rivola, amministratore delegato del reparto corse, ha sempre creduto nella buona fede del pilota e prima di cercare un sostituto nel team MotoGP ha atteso l’ultima sentenza del TAS di Losanna. Un altro manager, probabilmente, lo avrebbe fatto prima e non si sarebbe bruciato delle opzioni.

Iannone, che mesi fa è stato anche protagonista nel programma tv “Ballando con le Stelle” e che è impegnato pure come imprenditore, ci tiene che non sia un verdetto di tribunale a dire la parola fine alla sua carriera da pilota. Vuole tornare e risentire le emozioni che lo hanno accompagnato per tanti anni di vita.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Andrea Iannone (@andreaiannone)