Dani Pedrosa, KTM gli affida un nuovo ruolo nel 2022

Dani Pedrosa acquisisce maggior rilievo nel box KTM. Pit Beirer prevede un nuovo ruolo per il collaudatore spagnolo nella stagione 2022.

KTM sta pianificando una stagione in MotoGP dagli orizzonti ambiziosi, dopo l’arrivo di Fabiano Sterlacchini e Francesco Guidotti. Riorganizzato il reparto tecnico e introdotto due giovani talentuosi come Remy Gardner e Raul Fernandez, vengono presi in considerazione tutti i dettagli, in attesa di vedere all’opera la nuova RC16 per il 2022 nel primo test di Sepang (Malesia) fra poche ore.

Dani Pedrosa (Getty Images)
Dani Pedrosa (Getty Images)

Durante il giorno della presentazione delle livree e dei due team KTM Factory Racing e KTM Tech3, il direttore motorsport di KTM, Pit Beirer, ha parlato a 360 gradi del progetto in divenire e di un nuovo ruolo per il collaudatore Dani Pedrosa, che sta seguendo lo sviluppo del prototipo arancione dal 2019, dopo aver chiuso una lunga e prestigiosa carriera in sella alla Honda, di cui è divenuto un punto di riferimento storico. Ma ora il pilota di Sabadell ha legato il suo nome al marchio austriaco e il suo nuovo ruolo lo legherà in modo ancora più stringente al costruttore di Mattighofen.

Pedrosa jolly nel box KTM

A Dani Pedrosa il merito di aver apportato alcune sostanziali modifiche alla RC16 dopo il suo ingresso, con nuove nozioni sul telaio, reso più agile grazie ai suoi feedback. In casa KTM lo definiscono “il miglior tester del mondo”, a dimostrazione della grande considerazione che nutrono nei suoi confronti. Nella stagione 2021 ha persino corso un Gran Premio nel week-end di casa Red Bull in Stiria, centrando un’ottima top 10 che ha stupito non poco gli addetti ai lavori, a circa tre anni di distanza dalla sua ultima gara in classe regina.

Pedro Acosta è già una leggenda: arriva l’inaspettato omaggio

Da quest’anno lavorerà più a stretto contatto con i piloti all’interno del box, è prevista una sua presenza ancora più assidua, soprattutto al fianco dei debuttanti Gardner e Fernandez. “Per me l’importante non è averlo come pilota (wild card, ndr), l’importante è che possiamo averlo in pista per i nostri piloti e per il nostro team, sfruttando la sua esperienza – ha spiegato Pit Beirer in videoconferenza -. Sarà anche responsabile dell’allenamento che i nostri piloti faranno durante la loro preparazione e più coinvolto che mai, oltre a continuare il suo lavoro di collaudatore”.

Joan Mir come Valentino Rossi? Il pilota Suzuki ha una certezza

Già nell’ultimo test ufficiale a Jerez dello scorso novembre Dani Pedrosa era presente ai box per elargire consigli e raccogliere dati su cui focalizzarsi per l’evoluzione della moto e dello stile di guida dei piloti. Il suo nuovo ruolo sarà molto gradito anche a Hervé Poncharal: “I suoi consigli sono sempre molto utili e importanti”.