Vettel, una nuova vocazione oltre la F1: pronto ad incontrare la Thunberg

Non solo ha aiutato a pulire le tribune a Silverstone. Vettel è davvero un pilota “verde” e vuole spiegare le sue idee a un’attivista molto conosciuta.

Sebastian Vettel, ora in Aston Martin (foto di Bryn Lennon/Getty Images)
Sebastian Vettel, ora in Aston Martin (foto di Bryn Lennon/Getty Images)

Dopo gli anni sulla Rossa Ferrari, Sebastian Vettel ha dato una decisa sterzata alla sua carriera scegliendo il marchio Aston Martin per rilanciarsi. Una scelta che finora non sembra aver pagato troppo, visto che nel 2021 ha racimolato solo un podio a Baku e diverse delusioni.

Vettel l’ecologista

Il pilota tedesco corre con una livrea verde scuro, ma proprio nel 2021 ha mostrato a tutto il mondo il suo lato “green” anche fuori dalla pista. Nel luglio scorso infatti, dopo il GP di Gran Bretagna, si è recato su una delle tribune di Silverstone, dove uno dei main sponsor della sua scuderia ha promosso un’iniziativa a favore dell’ambiente. Insieme ai responsabili della pulizia del circuito si è impegnato a raccogliere la spazzatura lasciata dagli spettatori.

Una vena ecologista, quella del tedesco, maturata in particolar modo in questa stagione, dove oltre a iniziative del genere si è reso protagonista di dichiarazioni in favore di una svolta verde della F1. Proprio qualche mese fa ha ammesso che il cambiamento in atto nel Circus non è abbastanza veloce, con solo il 10% di biocarburanti o etanolo, cosa che per il pilota tedesco non è non è sufficiente. Tanto che ha ammesso: “Abbiamo opzioni, soldi, risorse, potremmo fare cose molto sensate”. Anche se in realtà in altre ha quasi smentito questo, soprattutto dichiarando il suo amore per i motori di qualche anno fa, non solo per il sound.

F1, Vettel amore eterno alla Ferrari: consiglio da brividi a Schumacher

Pronto a spiegare le sue ragioni a Greta

In una intervista alla Süddeutsche Zeitung, Vettel ha espresso il desiderio di incontrare la famosa attivista Greta Thunberg, anche per spiegare le sue posizioni che, apparentemente, possono sembrare contraddittorie nell’ambito ecologista: “Probabilmente condividiamo molte opinioni sulla Formula 1 – ha detto il quattro volte campione del mondo -. È incoraggiante che stia combattendo per il nostro futuro con tale determinazione. Un vero e proprio modello che tutto il mondo dovrebbe seguire e, soprattutto, gli uomini più anziani dovrebbero prestare maggiore attenzione”.

Poi ha ammesso: “Il nostro sport è veloce e progressivo in molti modi. Ma non siamo esattamente dei pionieri quando si tratta di idee”. Soprattutto per quanto riguarda tecnologia green. Ma non per questo Vettel rivendica di essere ecologista. Tanto che a più riprese ha affermato che sì guida auto veloci che bruciano benzina creata da combustibili fossili, ma che comunque sta provando a lanciare un messaggio diverso nel suo mondo. Chissà se ora la Thunberg prenderà la palla al balzo per incontrare veramente Vettel. E discutere con lui del clima. E di F1.