Dakar, Danilo Petrucci perde tutto: che guaio per l’ex Ducati

Danilo Petrucci in preda alla sfortuna in questo inizio di Rally Dakar: prima falso positivo al Covid, poi nella seconda tappa succede l’impensabile.

Danilo Petrucci (GettyImages)
Danilo Petrucci (GettyImages)

Rally Dakar a dir poco sfortunato per Danilo Petrucci, alla sua prima esperienza tra le dune del deserto arabo. Prima risultato falsamente positivo ad un tampone, fortunatamente rimesso in gioco da un secondo test. Ma il peggio accade nella seconda tappa, dopo un guasto meccanico accorso alla sua KTM. Il pilota umbro stava viaggiando sui ritmi dei migliori e nella top-5, quando la sua moto si è improvvisamente fermata.

Prima della gara hanno cambiato posizione al serbatoio, ma al km 115 l’incredibile imprevisto. “Si è rotto un fusibile, come abbiamo scoperto quando siamo ritornati al bivacco”, ha raccontato Petrux a ‘La Gazzetta dello Sport’. Inizialmente ha provato a riparare il guasto con le sua mani senza esito, fino a quando è stato costretto a chiedere supporto dall’elicottero. “Ho provato a smontare la moto, ho travasato la benzina con le mani ma nulla da fare”.

Danilo Petrucci tra sfortuna e inesperienza

C’è stata anche un po’ di inesperienza da parte dell’ex pilota della Top Class. Non ha avuto il tempo di apprendere come lavorare sulla moto in caso di problemi e non ha avuto la freddezza di fermare un pilota che sopraggiungeva per contattare KTM. Secondo il nuovo regolamento ripartirà con una pesante penalizzazione di 11 ore e mezza che lo condanna a dire definitivamente addio alle posizioni alte di classifica. “Non eravamo qui per fare risultato – ammette il pilota umbro -, ma ci eravamo gasati tutti, soprattutto io. Ci riproveremo”.

Pedro Acosta dalla Moto3 alla Moto2: Kevin Schwantz ha una certezza

Ma la beffa del destino è andata oltre. Ha provato a telefonare al suo meccanico in KTM al momento dello stop, ma si è accorto di aver perso tutto. “Nella tasca del giubbotto avevo telefono, passaporto, soldi, patente, carta di credito e non avevo più nulla. Adesso sono rimasto senza niente – ha scherzato Petrucci – dovrò prendere la cittadinanza qui”.