Joan Mir, il capotecnico si espone: “Non siamo qui per questo”

Carchedi, capotecnico di Mir, parla della stagione MotoGP 2021 e non nasconde l’obiettivo per la prossima. In Suzuki si lavora intensamente.

Joan Mir
Joan Mir (©Getty Images)

Suzuki nel 2022 non ha dato a Joan Mir una moto che gli permettesse di confermarsi campione del mondo, ma il terzo posto finale in classifica è comunque un buon risultato. Il maiorchino ha confermato di essere uno molto regolare, anche se non ha vinto alcuna gara.

Nel 2022 l’obiettivo suo e del team è di giocarsi le vittorie e il titolo MotoGP. Le novità provate nel test di Jerez hanno dato fiducia al pilota, che si aspetta ulteriori progressi a Sepang a inizio febbraio. C’è anche un rinnovo di contratto da discutere e la casa di Hamamatsu dovrà convincerlo.

LEGGI ANCHE -> Quartararo vuole il rinnovo, ma a una cifra pazzesca: ecco quanto chiede

MotoGP, parla Carchedi: è il capotecnico di Joan Mir

Frankie Carchedi, capotecnico di Mir, in un’intervista ad Autohebdo.fr ha così commentato la stagione MotoGP 2021: «Essendo stati campioni del mondo, speravamo che andasse meglio. Tuttavia, essere tra i primi tre in assoluto è un buon risultato. È mancato qualcosa. La prima parte del campionato è stato difficile. Ci qualificavamo in terza, quarta o quinta fila. Nonostante ciò siamo andati sul podio alcune volte ed è un buon risultato, visto che partivamo indietro. Questo era il nostro problema, non ci mancava ritmo, ma la posizione alla partenza determina un po’ il tuo potenziale in gara».

La qualifica è stato in grande problema della Suzuki in questi anni, partire indietro rende più complicata la corsa alla domenica, ma ci sono stati alcuni passetti avanti: «Nelle ultime quattro o cinque gare – spiega Carchedi – abbiamo trovato qualcosa. Penso da Aragon. Non si è trattato solo delle qualifiche, ma anche delle FP3 perché riuscivamo ad andare diretti in Q2. Ci siamo avvicinati alla prima fila e questo fa la differenza».

Nella prima parte del 2021 la Suzuki non aveva l’holeshot posteriore e averlo utilizzato nella seconda parte ha aiutato i piloti. È un dispositivo che dà dei vantaggi e che il team dovrà perfezionare in vista del 2022.

Intanto nel test di Jerez si è visto un nuovo motore, che positivamente impressionato Mir: «Le sensazioni dei piloti sono positive – ha ammesso il capotecnico – e sappiamo su cosa dobbiamo lavorare in inverno. Bisogna fare attenzione, procediamo per piccoli passi, se sbagli non puoi cambiare motore. Comunque abbiamo fatto un buono step e lavoreremo anche sull’aerodinamica per trovare più velocità. A livello di telaio siamo piuttosto forti».

Chiaro l’obiettivo di Mir e del team Suzuki per il 2022. Carchedi si espone: «Joan è un vincente. Non siamo qui per fare secondo o terzo. Sono sicuro che almeno dieci piloti avranno l’obiettivo di diventare campioni del mondo. Abbiamo le basi per esserci».

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
Joan Mir
Joan Mir (©Getty Images)