Danilo Petrucci ci riprova a Portimao: “Sfortunato a Misano”

Danilo Petrucci correrà la penultima gara in MotoGP prima del nuovo capitolo Dakar. A Portimao per dimenticare la domenica sfortunata di Misano.

Danilo Petrucci (foto Tech3)

Per Iker Lecuona e Danilo Petrucci quella di Portimao sarà la penultima uscita in classe regina. A Misano-2 entrambi non sono arrivati al traguardo, con il pilota umbro atterrato da una manovra al limite di Joan Mir che tentava di sorpassarlo. In Portogallo proverà a chiudere al meglio questa bella avventura, pur restando l’amaro in bocca per non aver potuto salutare il pubblico di casa dopo il traguardo.

A campionato concluso sarà la volta di mettersi alla prova con la Dakar, ma resta una finestra aperta nel MotoAmerica con Ducati, dove potrebbe prendere il posto di Loris Baz che passerà in SBK. In questo week-end l’attenzione sarà però puntata solo sul Gran Premio di Portimao: “Sono davvero felice di tornare in sella alla moto. Misano è stato davvero molto sfortunato, ma a Portimao abbiamo un’altra possibilità. Sarà il penultimo round per noi. Abbiamo alcuni dati lì che risalgono ad aprile, mi sento bene e preparato, quindi cercherò sicuramente di essere il più competitivo possibile questo fine settimana”.

LEGGI ANCHE -> Team RNF MotoGP, contratto solo annuale con Yamaha: Razali spiega perché

La penultima gara di Petrux

Il team KTM Tech3 ricorda ancora la vittoria di Miguel Oliveira nel 2020, ma ripetersi sarà complicato. “Sicuramente sarà emozionante per tutti noi, ma credo che l’obiettivo sarà un po’ diverso quest’anno – ha ammesso il team principal Hervé Poncharal -. Il circuito dell’Algarve ha un layout fantastico e molto unico. Speriamo di avere lo stesso tempo dell’anno scorso, che ci ha portato condizioni di pista perfette”.

L’obiettivo sarà quello di piazzare almeno uno dei due piloti nella top 10, anche se il loro futuro è altrove. “So che per entrambi il fatto di non aver potuto finire la gara l’ultima volta a Misano è stato difficile da digerire e penso che questa volta saranno ancora più desiderosi non solo di qualificarsi bene come l’ultima volta, ma anche di vedere la bandiera a scacchi in una posizione decente. Penso che entrambi ora conoscano il loro futuro – ha concluso Poncharal -, questo li aiuterà a iniziare il fine settimana con uno spirito positivo e senza distrazioni, puntando solo a divertirsi e godersi il momento su una moto MotoGP”.